RIVOLUZIONE MERIDIONALE INDIPENDENTISTA

Siete ancora seduti davanti al computer, vero?

Adesso provate a guardarvi: voi dovreste fare una rivoluzione!??????   Con quel corpo gracile, flaccido, capelli ostinati, occhiali in perfetto stile “film polacco” degli anni 50, pancetta da pensionato….dovreste fare la rivoluzione di riscatto del meridione!
epifanio rivoluzionario

Cerchiamo di guardare in faccia la realtà: nel momento in cui, non dico 100 e nemmeno 10.000, ma almeno 500.000 meridionali dovessero decidere insieme (ipotesi alquanto remota quanto improbabile!) di sovvertire lo stato delle cose armandosi di 127 verde prato e martello tirachiodi (il massimo delle armi che sappiamo maneggiare) sarebbe un momento epocale.  E poi? Una volta che riusciamo a convincere le forze dell’ordine (tutti meridionali), la parte buona della magistratura (quella meridionale), le colonne dell’istruzione, i dirigenti delle industrie meridionali, cosa succede? Succede che arrivano gli “americani” travestiti da mafiosi e si insinuano nelle strutture del sistema, arrivano i servizi segreti (Mossad, CIA, MI5, ecc) e avremo – forse – epidemie, stragi, tensioni sociali, provocazioni e tutto quello che di brutto possiamo immaginare. E noi? Sempre pronti con la nostra 127 verde prato e il martello tirachiodi, occhiali da sole e cappello alato da Thor.
fiat_127_900_rif_2123937_anno_1973_km_71000_96635266762583442

Ma vi siete visti? Anzi: ci siamo visti? Anch’io ho una certa età e, anche se non lesinerei un attimo a diventare uno stragista per alleviare il dolore dei miei conterranei, non credo che diventerò mai un Che Ernesto Guevara pronto a difendere terra e popolo.
CheGuevara1951

Allora? Che facciamo? Ci arrendiamo? Vogliamo davvero che i nostri figli continuino a passare il tempo da una Playstation all’ufficio del lavoro, e noi da un ospedale ad una manifestazione?

Signori, un po’ di contegno! Abbiamo un cervello? Usiamolo.

Vogliamo davvero distruggere il sistema?

mafioso


Bene, allora dobbiamo colpire il sistema alla base. Questo sistema mafioso e dittatoriale  basa la sua forza su due elementi sostanziali: consensi e denaro.
I consensi li crea attraverso il sistema politico che elegge a funzionari, impiegati, dipendenti sempre i propri scagnozzi. Coloro che durante le campagne elettorali procurano voti. Coloro che sono pronti a fare le nottate pur di aiutare il politicante da strapazzo che ha bisogno di essere eletto. I consensi li crea con il sistema dei media: televisioni, giornali, radio, ma anche film, musica, spettacoli. Lo avete visto Fabio Fazio quando ha intervistato Letta o Bersani? Per poco non si metteva a scodinzolare e a leccare i piedi ai due leprecauni  della mensa parlamentare. Invece quando intervista coloro che sono contro il sistema adotta una terminologia urticante, quasi scomposta.

Dobbiamo colpire il sistema alla base. Dobbiamo annullare il sostegno del sistema: le tasse, ma non evadendo, ma aggirandole.

La salute

tessera


La politica prende i soldi dai furti alla sanità, la politica vive di collusioni con le aziende farmaceutiche che producono mangimi per gli animali da macello e concimi per le piante da alimentazione. A chiusura del ciclo producono integratori di vitamine (perchè le piante ormai ne sono prive) e medicinali antitumorali e chemioterapici per riparare ai danni dell’alimentazione carnivora. Lo sanno anche i muri che la carne (almeno quelle che siamo “costretti” ad acquistare dall’attuale distribuzione) è piena di ormoni, antibiotici, grassi dannosi.
Evitiamo sostanze dannose all’organismo e cerchiamo di vivere una vita più sana.
Iniziamo ad usare la dieta mediterranea, cerchiamo di coltivare i nostri prodotti da soli, costituiamo cooperative di produttori dove i nostri figli e noi stessi possiamo dedicare alcune ore della nostra vita a produrre cibi sani.
Quello che coltiviamo mangiamo ed evitiamo di pagare l’iva in quanto la terra non emette scontrini.  E se proprio vogliamo fumare, coltiviamoci il nostro tabacco, senza additivi e fumiamocelo in pace senza problemi: sarà sicuramente più salutare delle sigarette che acquistiamo dal monopolio di stato.
E
 stiamo attenti al latte che beviamo

L’acqua

etichetta-bottiglia-s.-rubinetto
Tutto quello che vi dicono sull’acqua in bottiglia è falso! La legge europea ha permesso di imbottigliare l’acqua del rubinetto e il 60% delle acque imbottigliate non è altro che l’acqua del rubinetto.
E voi, poveri stupidi, pensate davvero che l’acqua che acquistate faccia fare più “plin plin”? Perchè non provate a mangiare meglio? Riuscirete ugualmente a fare “plin plin” bevendo tranquillamente l’acqua del rubinetto.

La benzina

.automobileflinstonesuominiprimitivi
Hanno imparato a renderci schiavi con la benzina. Prima ci hanno insegnato a spostarci, ci hanno invogliato ad acquistare le auto e poi ci hanno aumentato la tassa di circolazione, l’assicurazione obbligatoria, le imposte sulla benzina. E poi il controllo di Equitalia se puoi permetterti quella macchina, così ti rifanno il calcolo del reddito, ti multano e ti pignorano la pensione e la casa. Esistono metodi efficacissimi per evitare di spostarsi in auto: per alcuni la bicicletta, per altri la metropolitana, per altri l’autobus e per altri ancora esistono metodi alternativi di trazione. E quando dobbiamo fare viaggi lunghi e vogliamo l’auto possiamo anche affittarla. L’ho fatto anch’io quando sono stato in uno stato straniero: giravo con un mercedes ultimo modello.

L’istruzione.


asordi

Il sistema vuole che il popolo sia ignorante per poterlo comandare e sottomettere. E così che permette la diffusione di televisioni di distrazione, programmi senza alcun valore, ma anche pornografia, riviste fatte di niente. Una delle armi più temute dal sistema è l’informazione e internet ne è la prova. Ma non basta. Bisogna interagire e non restare da soli. Quante volte avete letto la storiella di due persone che si scambiano beni ed ognuno ha il suo corrispettivo, quando si scambiano idee il corrispettivo si somma? Allora dobbiamo incontrarci, discutere, condividere, costruire, provare, destrutturare e riformare ipotesi. Soprattutto quelli che normalmente si chiamano “giovani”. I ragazzi che hanno tanta cacca nel cervello legata al calcio, ai videogiochi. Insegnate ai ragazzi a parlare e a confrontarsi su temi legati alla vita, alla produzione, all’ambiente. Ma non fateli stare chiusi in casa, fateli uscire, mandateli in campagna. Aria, luce, vita e se piove meglio: ci sarà più raccolto.

Denaro


soldi


Il denaro è un mezzo di scambio. Per togliere una vite usiamo un cacciavite, per mangiare gli spaghetti usiamo la forchetta, per scambiarci beni e servizi usiamo il denaro. Ma di chi è il denaro? Il denaro appartiene a colui che genera un bene o un servizio. Questo dovrebbe essere un concetto basilare, invece in questo stivale bucato il denaro appartiene ad una banca privata a cui dobbiamo anche pagare gli interessi per usarlo. ASSURDO! Cerchiamo di carpirci qualcosa, informatevi sul prof. Auriti e i suoi studi. Scoprite perchè fu denunciato. Scoprite il suo segreto e capirete che il denaro DEVE essere del popolo e non delle banche. Oltre il 60% delle tasse che siamo costretti a pagare è perchè esiste un debito con la B.C.E. che non è altro che una banca privata. Sul denaro del popolo non esistono interessi e non esiste debito. Questo lo avevano capito anche Lincoln, Kennedy, Gheddafi e Assad (prossimo martire?)

Casa


WiredCover05_Magazine


La casa è il pilastro della famiglia e questi stronzi di politicanti l’hanno capito fin troppo bene. Così fanno in modo che una casa sia un sogno molte volte irraggiungibile. Ed una volta conquistata rischiamo di perderla ogni giorno. La casa dovrebbe essere un diritto di cittadinanza: ogni cittadino che abbia raggiunto la maggiore età dovrebbe avere diritto ad una casa. Purtroppo questo accade nella maggior parte dei Paesi del Nord Europa, meno che in questo stivale. Ma quanto costa una casa? Diciamo che se considerassimo il costo di acquisto di un terreno e la costruzione ex-novo, senza i ricarichi di guadagno dell’impresa di costruzione (utilizzando manodopera con carcerati retribuiti normalmente) una abitazione civile (due stanze, un bagno e una cucina) costa circa 90.000 euro (anno 2013). Bastano per mettere su famiglia? Io sono nato in una casa simile e la mia famiglia era composta di cinque persone.
Ma costruire una casa non significa togliere altra terra all’agricoltura, ma recuperare l’immenso patrimonio edilizio esistente. Nelle grandi città hanno imparato ad utilizzare anche i vecchi capannoni, che vengono ristrutturati, ridenominati come “loft” e venduti a prezzi incredibili. (ricordate il film Ghost? La casa degli interpreti era un loft). Adesso provare ad immaginare quante aziende sono fallite, quanti immobili adibiti a scuole ed uffici sono sfitti. Quanti appartamenti sono stati strappati alla criminalità organizzata o ai politici corrotti. Iniziamo da questi per riconquistare la vita di una famiglia.

Sistema


pecore


Togliamo il sostegno al sistema evitando di andare a votare. Il dissanguamento di voti ormai è irreversibile e la fuga dalla politica sta diventando un vero problema per questi politicanti da strapazzo. Togliamogli la soddisfazione di vedere pecore che vanno a votare. Immaginate che lo stato iTagliano è nato con un plebiscito dove votò circa il 2% della popolazione. Proprio così: solo il due percento della popolazione decise la creazione di uno stato iTagliano. Venite a parlarmi di risorgimento, di democrazia , di unità nazionale e di cazzate simili così vi tolgo il saluto per sempre. Se proprio dovete votare (ma vi ricordo che non vi costringe nessuno) evitate i partiti nazionali e scegliete i movimenti di opposizione al sistema. Certo è una contraddizione, un ossimoro bello e buono, ma disorientare il nemico qualche volta funziona.

Contrattacco


lorenzin

I migliori soldati non sono accanto a noi. I nostri migliori soldati sono i ricercatori che ormai sono scappati all’estero, sono i medici e gli infermieri che lavorano e vivono al nord, sono gli architetti e ingegneri, avvocati e programmatori che ormai sono lontani da casa. Ma qui da noi cosa c’è rimato? Poco, molto poco. Quei pochi ragazzi che hanno conquistato il loro ambito posto di lavoro non riescono a lavorare bene perchè il loro ambiente è inquinato da pischelli raccomandati dalla politica. Alla mia età ne ho visti di tutti i colori: dall’AMIU (nettezza urbana) a finire al palazzo della Procura di Bari.
Raccomandati inutili e nullafacenti che quando fanno qualcosa distruggono quel po’ di buono che c’era. Potrei iniziare a fare un lungo elenco di nomi di persone (figli di genitori a loro volta gestiti dalla politica) che occupano posti dove guadagnano fiumi di denaro e gestiscono gente (leggasi pecore) pronta a votare anche ad una statua pur di accaparrarsi un posto di lavoro statale.
BISOGNA DENUNCIARE. Bisogna trovare il coraggio di denunciare queste persone. E chi non denuncia è un colluso, è un mafioso, è un bastardo che dovrebbe marcire con il letame. I nostri ragazzi migliori sono lontani dalle loro famiglie: facciamo fuori questi bastardi raccomandati e facciamo tornare i nostri ragazzi che lo meritano.

Prima che sia troppo tardi: RIVOLUZIONE.


etiopi

(questo articolo non l’ho completato e penso di non completarlo mai: ogni tanto ci aggiungo un pensiero)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...