Il Nobel per l’economia Stiglitz canta il De Profundis all’euro

E’ stato passato sotto silenzio (come al solito) dai grandi giornali italiani il testo di una intervista, rilasciata da premio nobel Joseph Stiglitz al giornale tedesco Die Welt, in cui l’esperto economista ha testualmente dichiarato: “Esisterà una zona Euro nell’arco di 10 anni ma è poco probabile che possa contare ancora di 19 membri e risulta difficile prevedere chi vi rimarrà”, nella stessa intervista Stiglitz ha imputato a questa moneta ed alla Germania la responsabilità del ristagno dell’economia del vecchio continente.

Stiglitz ha segnalato in particolare che in Italia “la gente si trova sempre più delusa dall’euro” e che “gli italiani si sono rendono ormai conto” che il loro paese non funziona con questa valuta.


“Potrà esistere  fra dieci anni una zona euro me è poco probabile che potrà contare con 19 membri, per quanto risulta difficile prevedere chi vi permarrà “, ha detto Stiglitz , premio Nobel per l’economia nel 2001.

L’economista assicura che la Germania  ha già accettato l’idea che la Grecia rinunci a rimanere nella zona euro e consiglia il paese ellenico ed il Portogallo di abbandonare quanto prima l’area euro e ritornare alle proprie monete.
Stiglitz, che è stato il principale economista della Banca Mondiale, ha duramente criticato la politica di austerità imposta dalla Germania e la mancanza di solidarietà europea nel momento di risolvere i problemi economici comuni.
Così che Stiglitz nella stessa intervista considera che la migliore soluzione per dare impulso all’economia dell’Unione Europea sarebbe quella di dividere l’euro in due monete diverse: una destinata ai paesi del nord Europa e l’altra per quelli del sud Europa.

Lo stesso Stiglitz, poco tempo prima in altra intervista al “Nouvelle Observateur”, aveva dichiarato di condannare le politiche europee di austerità (comprese quelle di Hollande), la flessibilità senza protezioni nel mercato del lavoro, e aveva sostenuto che uscire dall’euro è meglio che seguire politiche suicide.
Ad una domanda dell’intervistatore: ” Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa della crisi europea e delle misure di rigore e di austerità che i leader della zona euro  fanno passare come le sole e uniche soluzioni per superare questa crisi”;

Joseph Stiglitz aveva risposto : “L’austerità non è la soluzione. Non permette ai governi di aiutare le imprese a passare dalla vecchia alla nuova economia. Al contrario, essa limita le possibilità di sostegno.

Ora l’economia in Occidente sta passando dall’industria ai servizi: l’istruzione, la sanità, la cultura, il turismo, ecc. La cosa interessante è che tra questi settori, molti sono pubblici. Questo è il motivo per cui avremo sempre più bisogno dei nostri governi, ancora più che per l’industria, che già richiedeva l’intervento dello Stato. Il settore pubblico non deve solo dirottare il suo sostegno verso i nuovi settori, ma deve anche rafforzarlo.

Ad esempio, negli Stati Uniti, spendiamo troppi soldi per la difesa. Produciamo molte armi che non servono a combattere contro tutti questi nemici che non esistono. E’ spreco di denaro. Si finanziano anche molto le imprese, invece che i dipendenti. Sono degli esempi. È possibile riorientare la spesa verso quello che serve a rafforzare l’economia del futuro.

Intervistatore: “In Francia, la crescita ha subito un rallentamento, ma François Hollande ha annunciato tagli alla spesa e aumenti delle tasse che peseranno sulla crescita, per raggiungere gli obiettivi europei. Secondo lei ci sta portando nel precipizio”?

Joseph Stiglitz: “Limitare il disavanzo strutturale, come previsto dai trattati europei, funziona quando si è in piena occupazione, ma non quando si è in una fase di recessione. E’ irresponsabile cercare di avere un bilancio in pareggio o addirittura un disavanzo strutturale al 3% in una economia debole.
Penso che la decisione di François Hollande avrà conseguenze molto negative. L’austerità conduce alla recessione. L’austerità in Spagna ha portato alla depressione.

I leader europei tuttavia continuano a dire che la crescita è necessaria. E’ quello che continuano a ripetere da anni, ma non hanno proposto nulla di concreto in questa direzione. Ci sono stati alcuni progressi, ma arrivano molto lentamente e non saranno sufficienti.
Ad esempio, avete rafforzato la Banca europea per gli investimenti per consentirle di fare più investimenti. Ma la misura di ciò che viene proposto è troppo scarsa. Non sarà sufficiente a compensare i danni dell’austerità.”

Intervistatore: “Non c’è un altro modo per rilanciare l’economia? Se è così, perché i capi di Stato europei insistono in questa direzione”?

Joseph Stiglitz: “Il grande errore degli europei, e della Germania in primo luogo, è che fanno unadiagnosi sbagliata del problema. Essi credono che la crisi derivi da un atteggiamento troppo spendaccione. Ma l’Irlanda e la Spagna prima della crisi erano in surplus . Non sono state le spese a mandarle a fondo.
E’ la crisi economica che ha causato il deficit, non il deficit che ha causato il rallentamento. Introdurre una maggiore austerità non farà che esacerbare la crisi. Ma i leader europei non lo capiscono”.
Alla fine l’intervistatore chiede cosa bisogna fare e quali siano le soluzioni.

Joseph Stiglitz:” L’area dell’euro soffre principalmente di un problema di regole, e i dirigenti non se ne occupano. Devono farlo. Essi devono:

mettere in comune i debiti;

implementare un sistema finanziario comune;

armonizzare le imposte;

modificare il mandato della Banca Centrale Europea, che si concentri non solo sull’inflazione, ma anche sull’occupazione, la crescita e la stabilità finanziaria.

Sono riforme da pianificare ed eseguire molto rapidamente, perché l’Europa è in declino e tutto ciò è costoso in termini di disuguaglianze e di erosione del capitale umano. I giovani devono cercare di costruire le proprie abilità ma passano il loro tempo come disoccupati, cadendo nella disillusione e nell’isolamento.

Intervistatore: “Qualcuno ha detto che la cosa migliore per l’Europa è rifondarsi senza la Germania (parafrasando un po’). Lei è d’accordo con questa diagnosi”?
Joseph Stiglitz: “Credo che abbia ragione quando dice che la Germania deve gestire, prendere in mano l’eurozona”, oppure uscirne.

L’economista  sottolinea che, se la Germania lasciasse l’eurozona, questa si troverebbe probabilmente in condizioni migliori. Perché l’euro sarebbe meno apprezzato. “Diventereste più competitivi, aumentereste le esportazioni, e sarebbe un bene per la vostra economia”.

Intervistatore: “Cosa ne pensa dell’idea proposta da alcuni economisti (non necessariamente vicino al FN) di uscire dall’euro per uscire dalla crisi”?

Joseph Stiglitz: “Ci sono vantaggi e svantaggi ad avere un grande mercato come l’Europa. Ma se non lo si può riformare, io non credo che sia poi così male tornare alle vostre vecchie monete.

Le unioni monetarie spesso durano soltanto un breve periodo di tempo. Ci proviamo, e o funziona o non funziona. Il regime di Bretton Woods è durato trent’anni. L’Irlanda ha ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito e ha creato una propria moneta. Quando succede è un grande evento, ma succede. Ed è possibile.

L’idea che sarebbe la fine del mondo è sbagliata. Sarebbe un periodo molto difficile, ma la fine dell’euro non sarebbe la fine del mondo”.

Guardate la Spagna: il paese è in depressione, la metà dei giovani sono disoccupati. E cosa offre l’Europa? Aiuto, ma a certe condizioni. E queste condizioni sono basate proprio sugli stessi principi che hanno portato la Spagna alla depressione. Questa è la cura che uccide il paziente! Dire “Vi aiuterò, ma prima dovete suicidarvi”, non dà molte speranze.

Intervistatore: “Delle forme di protezionismo, per esempio in materia di criteri sociali e ambientali, non potrebbero stabilizzare l’economia globale e incoraggiare i paesi che praticano il dumping sociale e ambientale come principale strategia economica a convergere verso dei modelli più rispettosi della natura e degli uomini”?
Joseph Stiglitz:” Imporre il protezionismo sarebbe un errore, perché si importa e si esporta. Se non importate più, gli altri paesi non compreranno le vostre merci. Quindi questa non è la direzione giusta da seguire.

Se si ha un tasso di cambio flessibile, invece che una moneta comune, è possibile regolare il cambio per rendere i propri prodotti più competitivi. E’ qui che l’euro ha posto un vincolo, come il gold standard durante la Grande Depressione. La domanda rimane la stessa: è possibile risolvere i problemi posti dall’euro? La risposta è sì, se si riformano le regole dell’euro.

Quello che serve è riuscire a spostare le persone dai settori meno competitivi ai settori più competitivi. Si tratta di sostenere l’occupazione, di garantire che le banche offrano finanziamenti per aiutare le persone a cambiare lavoro o a creare nuove imprese, di investire nelle università per avere più ricercatori, che lavoreranno nelle imprese più competitive”.

Intervistatore: “Mentre molte persone si rammaricano per la deindustrializzazione, non è che alla fine l’industria è destinata a scomparire dai paesi più ricchi, come è quasi scomparsa l’agricoltura o alcune industrie come quelle estrattive”?

Joseph Stiglitz: “In Francia, potete riuscire a riportare dei lavori che sono stati esternalizzati. Ma soprattutto occorre ricordarsi che la crescita della produttività è tale che, in ogni caso, avrete bisogno di meno lavoratori, delocalizzazione o no. E’ così ovunque. Anche in Cina, l’occupazione manifatturiera è diminuita. Dobbiamo accettarlo, è il prezzo del successo.

Francia, Germania e Italia da quel lato hanno prospettive migliori degli Stati Uniti. Voi disponete di un sistema di istruzione di qualità, una tradizione di piccole e medie imprese specializzate nel campo dell’ingegneria e delle alte tecnologie, che noi non abbiamo.

Gli Stati Uniti si sono specializzati nella produzione su larga scala e a basso costo. E in questo gioco, la Cina ha vinto. E’ difficile per noi competere. Ma per voi, a un livello di alta qualità, è più facile”.

Nota: L’economista ha espresso pochi chiari concetti alcuni dei quali possono essere condivisibili, altri discutibili, ma che sono di sicuro in totale controtendenza rispetto alle presunte soluzioni adottate dall’oligarchia di Bruxelles che, con le sue politiche suicide (dettate dai potentati finanziari)  sta portando l’Europa a sbattere contro un muro, con esclusivo vantaggio di qualcuno (l’elite finanziaria)  e a sicuro disastro di molti paesi fra cui di sicuro l’Italia.

Fonti: Argentina Today       L’Olandese Volante

10 ragioni per il NO

  1. Il Senato non viene abolito: viene eliminato il voto dei cittadini. A eleggere i senatori saranno i consiglieri regionali, nonostante la Costituzione sancisca all’art. 1 che «la sovranità appartiene al popolo».
  2. Il nuovo Senato sarà composto da 74 consiglieri regionali, 21 sindaci, 5 senatori nominati dal Presidente della Repubblica per 7 anni. Così diventa, in sostanza, un “dopolavoro” per sindaci e consiglieri regionali, gli stessi degli scandali degli anni passati, che godranno di immunità parlamentare.
    Non voglio nemmeno immaginare il banchetto per le mafie.
  3. Il numero di deputati rimarrà di 630, lasciando così una Camera pletorica con le stesse altissime indennità.
  4. Le competenze del Senato resteranno numerose, su diverse materie e molto gravose: come faranno sindaci e consiglieri regionali a coniugare mandato territoriale e mandato senatoriale?
  5. La tanto ventilata semplificazione è in realtà un miraggio: aumenteranno le procedure legislative e la divisione per materie causerà conflitti di attribuzione.
  6. Si crea una sproporzione totale rispetto alla Camera, assolutamente priva di senso: avremo 100 senatori da una parte e 630 deputati dall’altra. I primi eleggeranno due giudici costituzionali, i secondi solo tre, per fare un esempio.
  7. Il Senato non costituirà un contropotere esterno rispetto alla Camera, non avendo particolari poteri di inchiesta e controllo. Non sono previsti neppure contropoteri interni alla Camera.
  8. Grazie all’Italicum, che garantisce 340 seggi alla Camera a prescindere dai voti ottenuti, si andrà verso un “premierato assoluto” dato che solamente la Camera darà la fiducia.
  9. La riforma restringe le possibilità di partecipazione diretta dei cittadini alle scelte politiche.
  10. La riduzione dei costi è minima, nemmeno paragonabile a quanto si otterrebbe dal dimezzamento di deputati e senatori, dato che i nuovi senatori godranno comunque di rimborsi e diarie.

da qui

Una personalissima domanda ai  politici, in particolare piddini, ma non vi fate un po’ schifo quando vi guardate nello specchio la mattina?

Flavio ci ha lasciati

L’otto marzo 2016 io con i miei familiari ed i miei amici abbiamo commemorato il trigesimo della dipartita di mio fratello Flavio. Lo abbiamo fatto nella chiesa di San Leone Magno a Bitonto (Ba). Per l’occasione ho chiesto di poter leggere un mio pensiero sulla morte di Flavio ai miei amici che sono intervenuti alla funzione religiosa.
Quello che ho scritto non l’ho corretto, purtroppo le lacrime e la commozione mi ha portato a molte pause e talvolta a ripetizioni, con alcuni errori di sintassi. Ma ho preferito lasciarlo così com’era: non dovevo fare il compitino di scuola, dovevo solo riportare quello che mi passava per la testa. Per molti saranno incomprensibili alcuni tratti del mio scritto, ma chi conosce la vera storia di Flavio capirà sicuramente quello che ho voluto dire.

Giusto per essere chiari considerate che io e tutta la mia famiglia non abbiamo potuto assistere mio fratello negli ultimi anni della sua vita e ci è stata preclusa anche la possibilità di poter assistere al suo funerale e alle sue esequie. L’ultima volta che ho visto mio fratello è stato prima del Natale 2014. Era su una sedia a rotelle e l’ho lasciato baciandolo sulla fronte.

 
Buona sera e grazie per essere venuti a testimoniare la vostra vicinanza al dolore che ha colpito la famiglia Abbaticchio. Ringrazio anche Padre Guarino per avermi dato la possibilità di riunirci in questo luogo.

Con questa cerimonia suggelliamo il triste evento della dipartita terrena di Flavio.

Il dolore che ha colpito tutti noi, che ha ferito gli animi di noi familiari, ha assunto un valore particolare soprattutto per i nostri genitori. La sera in cui si sono svolti i funerali abbiamo trascorso il momento nella nostra casa paterna a pregare e a ricordare la figura di Flavio. Dopo il momento di sgomento abbiamo realizzato che Flavio aveva raggiunto  la sua vera essenza e questo ci rendeva coscienti e tranquillizzava i nostri animi. Finalmente, dopo che Flavio era stato strappato alla vita prima dagli uomini e poi dalla malattia che lo aveva colpito, ormai era libero. Flavio era tornato ad essere lo spirito libero che era sempre stato, con il suo sorriso, la sua giovialitá, la sua empatia.

Ci sono stati momenti importanti nella vita di Flavio che solo un fratello, una sorella, una madre o un padre possono sapere e capire. La morte terrena di Flavio solo un genitore può capirla, solo un fratello o una sorella può capirla e nessuno può assumersi l’onore o l’ónere di farsi testimone di questo dolore. Nessuno può assumersi l’incarico di sostituirsi ad un familiare. Fino ai miei quindici anni io e Flavio abbiamo dormito nello stesso letto, abbiamo condiviso sonno e sogni. Ogni sera ci siamo sempre raccontati le nostre giornate. La sua vita è stata sempre intrecciata a quella mia e di mia sorella. I nostri pensieri si sono sempre intarsiati tra di loro e non abbiamo mai pensato che un giorno si potesse sgranare tutto questo e sciogliere questo legame. Flavio ci è stato portato via dagli uomini e ci é stato restituito dalla morte. Sembra un ossimoro, ma é così. Coloro che lo hanno portato via da noi lo hanno fatto tutti per lo stesso motivo. Prima la giustizia umana e poi l’ingiustizia sempre umana. Forse vi sembrerà ardito quello che sto per dirvi, ma penso che Flavio, a causa del suo carattere ingenuo, la sua voglia di creare stabilità, armonia, il suo sentimento di pace, si sia lasciato coinvolgere da disegni criminosi che nulla avevano a che fare con lui. Proprio ieri ho avuto notizia che tutto quello che ha causato la rovina della nostra famiglia e, credo, sia stata la causa della morte di Flavio è stato tutto annullato da un colpo di spugna, come se nulla fosse accaduto. La beffa oltre il danno. In questo mondo fatto da una giustizia umana che va contro la giustizia cristiana, Flavio è stato l’agnello sacrificale immolato per salvare l’immagine di una società ormai disgregata. La giustizia umana che ha decretato la condanna di Flavio è un esempio di come questa giustizia sia contro l’essere umano. Cosa predicava Gesù Cristo? cosa predicava San Francesco? Quali sono stati gli esempi di Madre Teresa di Calcutta? Consideriamo invece quali sono i canoni della giustizia italiana? Derivata dalla giustizia romana, quella imperialista, la stessa giustizia che aveva studiato e professato Sant’Agostino prima di abiurarla per abbracciare la cristianità e diventare dottore della Chiesa. Flavio si preoccupava di chi era in difficoltà , era amico di tutti, era giusto con tutti a costo di sembrare duro. Flavio era l’esempio di una cristianità nuova, moderna al passo con i tempi. Proprio per questo è stato spogliato di tutti i suoi averi, di tutti i suoi sogni, é stato strappato ai suoi familiari con il ricatto vergognoso sul suo figlio, infine é stato crocifisso nella sua malattia. Ha pagato ampiamente qualsiasi peccato possa aver commesso, mentre coloro che sono stati la causa del suo peccato adesso si travestono di dolore mentre si giovano del bene che ha creato.

Non fermiamoci alle apparenze, non crediamo alle parole, ma cerchiamo di guardare in fondo al cuore. Nessuno potrà capire il dolore mio, di mia sorella, di mio padre e di mia madre. Nessuno puó arrogarsi il diritto di sostituirsi a noi, perché solo noi sappiamo veramente chi è Flavio. Non permettiamo a nessuno di assumere incarichi non dovuti. Noi siamo i suoi familiari e nessuno potrà cancellare questo legame, nemmeno con inganni e sotterfugi. Adesso tutta la mia famiglia è serena, perché la morte terrena ha liberato finalmente Flavio. Ora la sua anima è libera, proprio come quando era vicino a noi, quando era libero di sorridere, scherzare, aiutare, parlare, confidarsi, condividere. Quando usciremo da questo luogo avremo finalmente Flavio per sempre con noi. La sua presenza finalmente sarà costante e rassicurante.

Basterà guardare il suo sorriso per essere sicuri che lui sarà sempre pronto ad aiutarci e a sostenerci come faceva quando era in vita.

Auguro a tutti di poter riuscire a scoprire tutto quello che è stato, al di là della sua figura esteriore. Quando capirete cosa era Flavio, Flavio diventerà presente in ogni vostra giornata. Avrete la sicurezza che appena girato l’angolo lo ritroverete con il suo solito sorriso e la sua battuta pronta.

Buona serata a tutti e grazie ancora.

img001

Agostino e Flavio Abbaticchio

E Bitonto ritrova se stessa.

Buon 2016.
Il primo articolo di questo blog si apre con una notizia che, fino a qualche anno fa, non sarebbe potuta apparire nemmeno delle fantasie di ubriachi cocainomani, ebbri di funghi e visioni mistiche. Stiamo parlando della “rivoluzione culturale” che ha colpito la mia cittadina natìa: Bitonto. A pochi chilometri a nord di Bari, sul primo gradino della Murgia Barese, patria degli antichi Peuceti (o Peucezi), si ritrova a fare il bilancio di un 2015 veramente eccezionale, culminato con il CapoDanze, festival della cultura popolare, alla sua diciassettesima edizione, a cura dell’associazione culturale dauna Folkarte. In questa edizione gruppi di musica popolare provenienti da Francia, Romania, Toscana, Puglia, Veneto e Campania si esibiscono nelle loro migliori performance per diffondere il loro messaggio di pace, di cultura e di socialità.

Questo è il filmato di presentazione dell’evento

L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco, Dott. Michele Abbaticchio, con la preziosa assistenza dell’Assessore al Marketing Territoriale, Dott. Rino Mangini, ha saputo coordinare una splendida annata fatta di eventi di successo che si sono svolti durante tutto l’anno.

Il filmato del 31 dicembre 2015, realizzato in piazza Cattedrale da Mimmo Latilla, parla chiaro.


 

Dal canto mio non posso che essere felice di constatare che l’appello rivolto alla comunità bitontina, nel corso delle elezioni amministrative del 2012 alla riscoperta delle proprie origini, del proprio senso di socialità e di convivenza, hanno avuto effetto. “Dobbiamo diventare tutti briganti, dobbiamo essere noi i difensori della nostra terra, della nostra storia, delle nostre tradizioni, della nostra cultura. Il brigante non usa armi, ma usa la caparbietà per ottenere il rispetto della sua essenza”: questo l’appello rivolto alla gente nel corso dell’ultima competizione elettorale dal sottoscritto.
Auspicavo una presa di coscienza da parte dei cittadini, la voglia di riscatto, di rispetto del proprio ambiente naturale. Desideravo vedere persone che gioivano a sentir parlare la propria lingua locale, le proprie canzoni, gli aneddoti, riscoprire i luoghi, i monumenti, i personaggi. Nessuno si sarebbe dovuto vergognare di dire “io sono di Bitonto“. Affermare le proprie origini deve essere il primo baluardo da difendere in ogni occasione, perchè sulle proprie origini si costruisce il futuro. Se non hai coscienza del tuo passato, non avrai mai le prospettive di progresso.

E’ stato un anno memorabile il 2015 per la comunità bitontina, ma non è che un punto di partenza. Il Bitonto Blues Festival, il Beat Onto Jazz, il Traetta Opera Festival, ma anche altre manifestazioni legate ai musei (ce ne sono ben tre:la Galleria Nazionale della Puglia “Devanna”, il Museo Archeologico De Palo e il Museo Diocesano, oltre al Torrione Angioino e una quarantina di dimore storiche, certificate dall’A.D.S.I.), eventi culturali legati alla letteratura, alla poesia, allo spettacolo.
L’arrivo a Bitonto del Commissariato del Ministero della Difesa Austriaco, consigliere dell’ordine della Croce Nera Austriaca, per commemorare i caduti austriaci nella Battaglia del 1734, rappresenta una ulteriore conferma della vocazione internazionale raggiunta da questa cittadina.

CapoDanze possiamo considerarlo come la ciliegina sulla torta, a coronamento di un lavoro di cesellatura pignolo e incessante.
A questo evento di fine anno si sono coordinati oltre 250 operatori, di cui provo a nominarne almeno i più importanti:

Musicisti, gruppi e insegnanti partecipanti:
DUO ABSYNTE (Francia) bal folk
ERIC THEZE’ (Francia) bal folk
DUO A. SANGINETO –S. BALDAN (Veneto) bal folk
TREQUARTI (Napoli) bal folk

OFFICINA ZOE’ (Salento) pizziche
CANTORI DI CARPINO (Gargano) tarantelle
MALARAZZA (Salento) pizziche
TERRAEMARES (Campania) tammurriate
RAFFAELE INSERRA E ‘A VOCE STESA (tammurriate)
SCUOLA DI TARANTELLA (Montemarano) tarant. montemaranese
TARANTELLA NON STOP (Caulonia –Calabria) tarantelle calabresi
FOLKEMIGRA (Bitonto –BA) danze del sud
RE PAMBANELLE (Bitonto –BA) danze del sud

CORSI DI DANZE
DANIEL SANDU (Romania- Olanda) danze gipsy e rumene (28-30 dic.)
NOEMI BASSANI (Varese) danze internazionali (28-30 dic.)
ERIC THEZE’ (Francia) danze impari (29 dic.-1 gen.)
CLAUDIO CESARONI (Firenze) varianti di bourrèes e irlandesi (28 dic. -1 gen.)
CIRO TROISE (Roma) Varianti di scottish e mazurche francesi (28-31 dic.)
ADRIANO SANGINETO e STEFANO BALDAN (congò e rondò) (31 dic.-1 gen.)
MARYAM RAQQAS (Bari) danze egiziane (29-30 dic.)
GIOVANNI MAURO (Salerno) tammurriata dell’Agro (29 dic.)
HIRAM SALSANO e CATELLO GARGIULO (Campania) tammurriata di Pimonte (30-31 dic.)
OFFICINA ZOE’ (Salento) danza, canto e tamburello (31-dic)
FLORIANA GUIDA (Salento) pizzica (29 dic. 1 gen.)
NICOLINO GENTILE (Carpino) canto e danza
FABIO CHIERA (Calabria) tarant. calabrese Basso Jonio (1 gen.)
ROBERTO D’AGNESE (Montemarano –AV) tarant. Montemaranese (31 dic.)

CORSI DI STRUMENTO E PERCUSSIONI
AURELIEN CLARAMBAUX (Francia) organetto
FABIO CHIERA (Calabria) organetto
RAFFAELLE INSERRA (Tammorra)
LIVIO GRECO (Tamburello)
( Fonte web: www.zingaria.com)

Inutile dire che tutte le strutture turistiche hanno registrato il “tutto esaurito”, con somma soddisfazione degli stessi operatori.


Avete bisogno di ulteriori conferme? Non penso!
Riscoprire le proprie origini fa bene a tutti. Sapere chi siamo stati è lo stimolo principale per poter decidere il proprio futuro, il proprio cammino di crescita.
Bitonto è sulla buona strada: ha ritrovato se stessa.

Auguri di un felice 2016

Expo, primo bilancio (senza retorica)

Atroce epilogo di un fallimento premeditato dove chi ci ha guadagnato, come al solito, sono state le multinazionali. Chi pagherà di danni per questo ennesimo furto perpetrato ai cittadini?

1430148403678_2euroEXPO1

Nuovo conio della BCE per il fallimento dell’EXPO2015

Alla fin della fiera l’obiettivo è stato raggiunto, alla faccia di gufi e disfattisti: Expo chiude i battenti con oltre 20 milioni di ingressi. Un trionfo, almeno per il commissario Sala, che ha la strada spianata per Palazzo Marino, per il governo Renzi e la sua retorica dell’Italia che funziona, e per il gigantesco apparato mediatico mobilitato fin dall’inizio, a suon di milioni, in una delle più straordinarie operazioni di propaganda e manipolazione dell’opinione pubblica che si ricordino. Restano però in sospeso due domande: i numeri testimoniano un successo? E, soprattutto, alla fine chi paga?

_____________________________________
Il successo di un grande “camouflage”
Se al di là della fanfara celebrativa si guardano i fatti, l’Expo universale di Milano ha registrato ingressi contenuti, chiude con un disastroso buco di bilancio, non ha rilanciato l’economia e lascia dietro di sé uno strascico di problemi irrisolti.
Quello milanese è stato il peggior Expo degli ultimi 50 anni. Tolti i quasi 14 mila addetti che ogni giorno si sono avvicendati nel sito, su cui i comunicati di Expo sorvolano, e la ridicola mistificazione per cui si considerano le code da sfinimento un indice di successo e non di disorganizzazione, l’esposizione milanese chiude con 18 milioni di visitatori. È la stessa cifra registrata dall’Expo di Hannover 2000, ricordato come “il flop del millennio”. Per fare peggio di così bisogna andare all’Expo di Seattle del 1962, con 9 milioni di visite. Ma il problema non è quello del flusso di visitatori. È che per evitare un flop colossale, il management dell’Expo ha spinto sui numeri dei tornelli a scapito del conto economico, che già partiva appesantito da malaffare, clientelismi, inefficienze.
 _____________________________________
La festa coi soldi degli altri
Il risultato è che la manifestazione peserà sui contribuenti per più di un miliardo di euro. Expo è costata, finora, 2,4 miliardi di euro: 1,3 miliardi per la costruzione del sito; 960 milioni per la gestione dell’evento (840 milioni secondo Expo, ma è un conteggio basato su magheggi contabili già censurati dalla Corte dei conti) e 160 per l’acquisto dei terreni, pagati – giusto per ricordare come è partita l’operazione – dieci volte il prezzo di mercato.
I dati sulla spesa sono provvisori, visto che sono in corso i contenziosi per gli extracosti chiesti da tutte le principali imprese che hanno lavorato sul sito: solo per il Padiglione Italia, prima trattativa conclusa, ammontano a 29 milioni. Ed è di questi giorni la notizia che per la bonifica dell’area, rivelatasi gravemente inquinata solo dopo che era stata comprata a peso d’oro, c’è un conto da 72 milioni. La faccenda ha dato l’avvio a un tragicomico balletto in cui Expo spa, Arexpo (proprietaria dei terreni) e gli ex proprietari (tra cui la Fondazione Fiera Milano, che però è anche socia di Arexpo) si rimpallano le responsabilità, in uno scaricabarile in cui non è difficile immaginare su chi ricadranno, ancora una volta, i costi.
 _____________________________________
Storia di una voragine finanziaria
I costi di gestione dell’Expo si sarebbero dovuti pareggiare, secondo le dichiarazioni di Sala, con i ricavi da biglietti più quelli da sponsorizzazioni, royalties e via dicendo. Il pareggio si sarebbe raggiunto vendendo 24 milioni di biglietti a un prezzo medio di 22 euro e ricavando circa 300 milioni dalle altre voci. Visti gli scarsi afflussi iniziali, tali che la società si è rifiutata per i primi tre mesi di fornire dati, in estate è stato offerto al volo un nuovo conteggio: sarebbero bastati 20 milioni di biglietti a 19 euro di costo medio; il resto lo avrebbero fatto i ricavi diversi, aumentati chissà come. Già così, si sarebbe chiuso con un deficit di gestione da 200 milioni di euro.
Il problema è che per arrivare ai 20 milioni di ingressi promessi, con annessi titoloni di giornali, si è messa in campo una politica di omaggi e prezzi stracciati. Sconti da saldo alle scolaresche, praticamente precettate dal ministero, ai dipendenti delle aziende sponsor, alle parrocchie, alle coop, agli ordini professionali e a qualsiasi organizzazione che potesse portare a Rho flussi consistenti. Biglietti a 5 euro dopo le 18, ingressi regalati ai pensionati, ai titolari di bassi redditi, a chi parcheggiava per la visita serale nelle aree di sosta del sito. Il rivenditore ufficiale della manifestazione nelle ultime settimane faceva il 70 per cento di sconto.
Expo, pur sollecitata da questo giornale, non fornisce alcun dato sul prezzo medio di vendita: ma non ci vuol molto a capire che sarà molto inferiore alla soglia di 19 euro. Vale a dire che il deficit di gestione sarà ben maggiore dei 200 milioni previsti.
 _____________________________________
Volano e fantasia
La retorica con cui si cerca di mascherare la perdita economica è soprattutto quella sull’“indotto” e sull’eredità dell’Expo; ritorni economici che giustificherebbero gli 1,3 miliardi d’investimento a fondo perduto nel sito. Qui si entra direttamente nel campo della fantasia. Gli studi con cui si cerca di far passare Expo per un volano economico sono quelli preparati da un gruppo di accademici della Bocconi finanziato da Expo. Si parla di 3,5 miliardi di spesa complessiva dei visitatori, tali da generare, per l’effetto moltiplicatore (per cui ogni euro speso genera ulteriori spese a cascata), una produzione aggiuntiva per il Paese da 10 a 30 miliardi e 191 mila nuovi occupati l’anno dal 2012 al 2020, con un picco tra il 2013 e il 2015. È l’apoteosi del moltiplicatore economico, un campo dei miracoli dove per ogni euro sotterrato se ne ritrovano 3, o anche 10.
Solo che la stima ignora il costo delle risorse usate, in termini di tasse o tagli ad altre voci del bilancio pubblico. Qualsiasi investimento valutato in quel modo darebbe un risultato positivo. Per Carlo Scarpa, ordinario di Economia all’Università di Brescia, esperto di infrastrutture, “qualche effetto moltiplicatore la spesa generata da Expo ce l’avrà, ma stimarlo è pura fantasia. Inoltre, un conto è costruire infrastrutture che restano, un altro è un investimento di pura edilizia, come l’Expo, che dopo sei mesi chiude”. Sui mirabolanti effetti occupazionali, basti dire che nel 2013, nel 2014 e fino al primo semestre 2015 (ultimi dati Istat disponibili) gli occupati in Lombardia sono stati in calo.
 _____________________________________
Alla ricerca dei cinesi perduti
L’arrivo di turisti stranieri è stato al di sotto delle previsioni. Secondo uno studio dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, coordinato da Jérôme Massiani, i risultati preliminari indicano una quota del 16 per cento di stranieri (soprattutto francesi e svizzeri) contro il 25 per cento previsto. All’Expo sono andati soprattutto i lombardi (quasi il 40 per cento dei visitatori), mentre i non europei, compreso l’atteso milione di cinesi, hanno raggiunto quote irrisorie. Peccato, perché la spesa degli stranieri è quella che determina il saldo positivo per il Paese creato da Expo. A patto che, fa notare Massiani, “nei benefici per l’economia sia contabilizzata solo la componente addizionale della spesa dei turisti”. Vale a dire quella di coloro che non sarebbero venuti in Italia se non ci fosse stata l’esposizione.
Per gli esercenti milanesi e lombardi non sembra proprio che Expo sia stata una manna. Qualcuno certo ci ha guadagnato, ma per molti, come i locali del centro di Milano che hanno visto la movida serale trasferita a Rho, l’effetto è stato quello di un boomerang. Gli ultimi a manifestare la propria delusione, questa settimana, sono stati i commercianti bresciani: “Qui si perdono quattro imprese al giorno”, ha scritto un report di Confesercenti, “Expo a Brescia non si è proprio fatto sentire”.
 _____________________________________
Carta di Milano, fiera di buoni propositi
Dovrebbe essere il grande lascito morale di Expo. Sembra invece più che altro un esercizio d’ipocrisia. La Carta di Milano raccoglie indicazioni per risolvere i problemi mondiali dell’alimentazione, della produzione di cibo, della fame del mondo. Firmata da tutti i capi di Stato, ministri, politici, funzionari, delegati passati da Expo e da milioni di cittadini, è stata consegnata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al segretario dell’Onu Ban Ki-moon.
Peccato che non sia altro che un elenco di buone intenzioni, senza vincoli né verifiche, destinata a restare lettera morta una volta spenti i riflettori sull’Expo. Nata negli uffici della multinazionale alimentare Barilla, è stata bocciata dalle più importanti organizzazioni non governative. “Abbiamo partecipato ai lavori preparatori, ma abbiamo deciso di non firmarla perché non tocca alcuni nodi: la proprietà dei semi, l’acqua come bene comune, i cambiamenti climatici”, ha dichiarato Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia, l’organizzazione fondata da Carlin Petrini, che aggiunge: “Non prevede impegni concreti per governi e multinazionali, è generica, tra i firmatari ci sono anche alcune multinazionali e capisco che il governo italiano non abbia potuto osare di più”.
Oxfam, network internazionale di organizzazioni non governative attive in 17 Paesi, l’ha definita “lacunosa” su temi fondamentali come le politiche per l’agricoltura contadina, la speculazione finanziaria sulle materie prime alimentari, l’espropriazione delle terre e il consumo di suolo agricolo”.
Il giudizio più duro arriva però da Caritas Internationalis: “È una carta scritta dai ricchi per i ricchi”, dichiara il segretario generale Michel Roy, “un testo parziale, per i destinatari e i contenuti. Non si sente la voce dei poveri del mondo, né di quelli del Nord, né di quelli del Sud”. Perché “indica un problema – la fame nel mondo – tutto sommato noto, ma non mette a fuoco le cause e quindi le soluzioni”, ha continuato Roy. “Contiene una nobile e giusta esortazione a evitare gli sprechi, ma non parla di speculazione finanziaria, accaparramento delle terre, diffusione degli ogm, perdita della biodiversità, clima, speculazioni finanziarie sul cibo, acqua, desertificazione e biocombustibili”.
Aggiunge Luciano Gualzetti, vicedirettore di Caritas Ambrosiana e vicecommissario del padiglione della Santa Sede: “Siamo stati chiamati a partecipare alla sua stesura, ma dobbiamo constatare che il risultato non ha tenuto conto dei nostri suggerimenti, probabilmente per salvaguardare certi equilibri”.
_____________________________________
L’area, i debiti e il rebus del dopo Expo
La vera sfida, comunque, inizia ora. Che cosa fare dell’area su cui sono stati investiti 2,4 miliardi di denaro pubblico? Il sito Expo, per ora, è solo una zavorra sui conti di Comune di Milano e Regione Lombardia, che devono restituire alle banche 200 milioni spesi per acquistarla. L’asta del novembre scorso per rivenderli, infrastrutturati, a 340 milioni, è andata deserta; ora si cerca la quadra per uscire dall’imbarazzo. In questo contesto, il rischio di lasciare una cattedrale nel deserto, destino comune a tante aree degli Expo del passato, è alto. Le idee, che sono gratis, non mancano. Così come si sprecano i nomi trendy: hub tecnologico, knowledge valley, start-up incubator.
Più difficile trasformare le idee in realtà. Tra i progetti annunciati, la realizzazione del nuovo polo delle facoltà scientifiche dell’’Università Statale di Milano, una buona idea del rettore Gianluca Vago. Ma sono necessari 540 milioni e una complessa operazione di dismissione e riqualificazione della vecchia area di Città Studi.
Il presidente di Assolombarda, Gianfelice Rocca, ha ipotizzato di aggiungerci un polo della tecnologia e dell’innovazione, Nexpo, in cui attirare aziende dell’hi-tech. Ma come pianificare una tale trasmigrazione? Con quale regia e quali soldi? Tutto ancora da decidere. Come pure l’ipotizzata realizzazione sul sito di una cittadella dell’amministrazione pubblica. E prima di tutto, qualcuno dovrà restituire alle banche i 200 milioni prestati. Di solito, la città che progetta un Expo pensa prima a che cosa fare dopo dell’area su cui fa investimenti pubblici colossali. A Rho, invece, i cancelli si chiudono senza che nessuno ancora sappia cosa ne sarà. “Non fate i ganassa”, dice Piero Bassetti, “la vera sfida inizia ora”.
(di Gianni Barbacetto e Marco Maroni – Il Fatto quotidiano, 31 ottobre 2015)

Le ragioni politiche di Insorgenza, raccontate da un ignaro filosofo.

  
Ho cercato tante volte di racchiudere in uno scritto quelle che potevano essere le ragioni per cui è nata Insorgenza e il motivo per cui continua lentamente ed inesorabilmente ad acquisire sostenitori.
Oggi ho trovato uno scritto di Costanzo Preve, un filosofo, saggista e studioso di politica, deceduto nel 2013 che, inconsapevolmente ha segnato i punti fondamentali di Insorgenza. Come un giochino da Settimana Enigmistica, unite i punti e scoprirete Insorgenza.
 
…………
1. Non si può decentemente chiedere al marinaio di scendere in mare senza bussola, in particolare quando il cielo è coperto e non ci si può orientare con le stelle. Ma cosa capita quando si pensa che la bussola funzioni, mentre invece è magnetizzata e falsificata da un pezzo invisibile di calamita che gli sta al di sotto? Ecco, questa è una metafora abbastanza precisa della nostra situazione di oggi.

2. Con il governo Monti le cose si sono fatte a un tempo più chiare e più oscure.

Si sono fatte più chiare (almeno per quel due per cento di bipedi umani che intendono fare uso del proprio libero intelletto, e non intendo prendere in considerazione il restante novantotto per cento), in quanto è evidente che la decisione politica democratica – tutta la decisione politica democratica, di sinistra, centro e destra – è stata svuotata, e siamo di fronte a una situazione del tutto imprevista nei manuali di storia delle dottrine politiche.
In breve, siamo di fronte a una dittatura di economisti a indiretta e formale legittimazione elettorale referendaria. E’ chiaro che questa dittatura di economisti avviene per conto di qualcuno, ma sarebbe sbagliato “antropomorfizzare” troppo questo qualcuno: i ricchi, i capitalisti, i banchieri, gli americani, eccetera. Questa dittatura di economisti è al servizio di una entità impersonale (Marx l’avrebbe definita “sensibilmente soprasensibile”) che è la riproduzione in forma “speculativa” della forma storica attuale del modo di produzione capitalistico (cfr. D. Fusaro, Minima Mercatalia. Filosofia e Capitalismo, Bompiani, Milano 2012). Da questo punto di vista le cose sono chiare.
Non è affatto chiaro, ma anzi è oscuro, il modo in cui questa giunta dittatoriale di economisti può “portare l’Italia fuori dalla crisi”. Essa è al servizio esclusivo di creditori internazionali, e il suo unico orizzonte è il debito. La logica del modello neoliberale è quella di delocalizzare la fabbricazione delle calze Omsa da Faenza in Serbia, in modo da poter pagare le operaie duecento euro.
In questa situazione, il mantenimento della dicotomia Destra/Sinistra non è più soltanto un errore teorico. E’ potenzialmente un crimine politico.

3. Ultimamente, sono rimasto imbambolato a leggere un volantino del gruppetto “Sinistra Critica”. Non capivo neppure io stesso perché. Poi improvvisamente mi è sembrato di capire. Il termine “sinistra critica” è una contraddizione in termini, perché il presupposto massimo ed essenzialissimo di ogni critica, senza il quale la stessa parola “critica” perde ogni significato, è proprio il superamento della dicotomia Destra/Sinistra. Non si può essere critici e contemporaneamente di sinistra (o di destra, non cambia nulla).

Ho prima accennato al libro di Diego Fusaro pubblicato da Bompiani. In questa storia filosofica del capitalismo, dalle sue origini seicentesche fino a oggi non ci sono mai, ma proprio mai, ma assolutamente mai, le parolette Destra e Sinistra, per il semplice e nudo fatto che la mondializzazione economica capitalistica e la dittatura degli economisti che ne è necessariamente la forma, ha svuotato del tutto queste categorie.

Norberto Bobbio (1909-2004) poteva ancora parlarne in assoluta buona fede, perché ai suoi tempi esisteva ancora la sovranità monetaria dello Stato nazionale, e partiti di “sinistra” potevano mettere in atto politiche economiche redistributrici in misura maggiore di partiti di “destra”. Ma oggi, con la globalizzazione neoliberale, il discorso di Bobbio non corrisponde più alla realtà storica.

Esiste ovviamente un problema, dal momento che la dittatura “neutrale” degli economisti ha pur sempre bisogno di essere costituzionalmente legittimata da elezioni, sia pure svuotate di ogni significato decisionale. A questo punto si mette in scena una commedia all’italiana: la “sinistra responsabile” (Bersani, D’Alema, Veltroni, tutto il comunismo togliattiano riciclato); il “buffone di copertura” Vendola di cui si sa a priori che i suoi voti andranno comunque al PD; i “testimoni” del buon tempo antico Diliberto e Ferrero i cui voti andranno comunque al PD con la scusa del pericolo fascista, razzista, populista, eccetera; i partitini da prefisso telefonico Turigliatto e Ferrando che seguono il principio olimpico per cui l’importante non è vincere, ma partecipare; infine, i Testimoni di Geova del comunismo (Lotta Comunista) in attesa che il salvifico gigante buono, la classe operaia e salariata mondiale, si svegli.

L’ideale sarebbe quello ipotizzato dal romanziere portoghese José Saramago, e cioè che nessuno andasse a votare, sottolineo nessuno. Se nessuno andasse a votare, cadrebbe la legittimazione formale della dittatura degli economisti. Certo, il capitalismo troverebbe modo egualmente di estrarre un nuovo coniglio dal cappello, ma intanto ci sarebbe da divertirsi. Purtroppo si tratta solo di un sogno irrealizzabile. La Macchina Acchiappa-Babbioni è troppo buona per lasciarla andare in disuso.

4. Eppure, la soluzione sarebbe a portata di mano: una nuova forza politica radicalmente critica del capitalismo liberista mondializzato, del tutto estranea alla dicotomia Destra/Sinistra. Una forza politica che lasci cadere tutti i progetti di “rifondazione del comunismo” (il pensiero di Marx è ancora vivo, ma il comunismo storico è finito), e che riprenda invece le ispirazioni solidaristiche e comunitarie.

In teoria, è l’uovo di Colombo. Ma appunto perché lo è, ci vorranno ancora decenni e decenni, salvo improbabili accelerazioni storiche impreviste, perché si capisca che la bussola è rotta, e sinistra e destra sono soltanto segnali stradali.

5. Ora darò l’occasione a tutte le vipere, i ragni e gli scorpioni di gridare al “Preve fascista”. Eppure, se si ha paura di rompere i tabù tanto vale leggere solo romanzi polizieschi. Ultimamente un caro amico francese mi ha spedito il libro di Marine Le Pen (cfr. Perché la Francia viva, in lingua francese, Grancher, Paris 2012). So già che si parlerà di astuta manovra di infiltrazione populista del fascismo eterno, ma provate a leggerlo. C’è da restare stupiti. Io non sono stupito, perché conosco la dialettica di Hegel, l’unità dei contrari, e la logica di sviluppo dell’ultimo ventennio sia della sinistra che della destra.
Ma veniamo ai fatti. A pagina 135 Marine Le Pen scrive, traduco letteralmente: “Non ho da parte mia nessun patema d’animo a dirlo: la dicotomia fra destra e sinistra non esiste più”. I principali riferimenti filosofici sono a due pensatori di “sinistra”, Bourdieu e Michéa (pagina 148). Il vecchio comunismo francese di Marchais è citato positivamente e quindi, niente Pétain e Vichy. Sarkozy è vituperato sia per la sua politica estera filo-USA che per quella interna, favorevole alle diseguaglianze sociali. Sul mercato il principale riferimento teorico è Polanyi (pagina 26). Si rivendica il no alla guerra dell’Iraq 2003 (pagina 37). Marx è citato (pagina 61), e si sostiene, citando ripetutamente l’economista Allais, l’incompatibilità di mercato e democrazia. Ma soprattutto ci ho ritrovato quello che mi seduceva nel comunismo degli anni Sessanta, il fatto che la chiacchiera polemica di piccolo cabotaggio è messa in fondo e non all’inizio, perché all’inizio vi è un lungo capitolo intitolato, alla francese, “Il Mondialismo non è un Umanesimo”. La globalizzazione è correttamente definita “un orizzonte di rinuncia”, e si riafferma che “l’impero del Bene è prima di tutto nelle nostre teste”, ed infatti è così.

E potrei continuare, ma so già che ho dato alle vipere e agli scorpioni l’occasione per insolentirmi, ciò che non mancherà certamente di avvenire. In realtà voglio soltanto far riflettere.

6. Per capire che cosa sono oggi Destra e Sinistra non bisogna rivolgersi ai difensori “idealtipici” della permanenza della dicotomia, nei termini valoriali delle categorie dello Spirito, alla Marco Revelli. Bisogna leggere i difensori del sistema come Antonio Polito (cfr. Corriere della Sera, 25 febbraio 2012). Polito dice apertamente che la competizione politica può oramai avvenire solo sul presupposto, dato per scontato, dei vincoli del modello neoliberale di economia globalizzata. Il resto è un agitarsi inconsistente, dal pagliaccio Vendola a Forza Nuova. Questo è il nostro destino.

Che cosa propongono i “sinistri” ancora in attività, da Andrea Catone a Giacché a Brancaccio? Un rilancio del keynesismo e della spesa pubblica in deficit dentro l’Unione Europea? Una ennesima messa in guardia contro i pericoli del razzismo, del leghismo, del populismo? Una globalizzazione alternativa dal volto umano? Ora che il Grande Puttaniere non occupa più il centro della scena con cosa si continuerà a babbionare il tifo sportivo identitario del popolo di sinistra?

Se si legge il documento “Cina 2030” della Banca Mondiale, recentemente presentato a Pechino, si vedrà che la dittatura degli economisti si estende al mondo intero. Le ricette sono le stesse. Ora, la rivoluzione non è matura, e non è certo all’ordine del giorno, sia nella variante stalinista (Rizzo) che in quella trotzkista (Ferrando). Ma neppure il riformismo è all’ordine del giorno, perché il riformismo implica sovranità dello Stato nazionale. E allora? C’è ancora chi si balocca con il comunismo contro il fascismo o con il fascismo contro il comunismo? Oggi il nemico è la dittatura degli economisti neoliberali. Con essa non si può fare nessun compromesso. Questo è il primo passo. I successivi, se si fa questo primo passo, potranno seguire.

Sulla votomania compulsiva

E’ probabile che l’americanizzazione integrale e radicale (altro che europeismo!) portata dal governo Monti e dalla sua dittatura di economisti porti a una diminuzione della partecipazione elettorale degli italiani, che dopo il 1945 ha sempre avuto livelli di delirio. Questa votomania compulsiva, evidente fra gli anziani, è legata alla contrapposizione DC-PCI, ed è rimasta come “lunga durata” anche nel periodo craxiano, prodiano e berlusconiano. Ma oggi che lo Stato non dà più niente e prende soltanto dovrebbe diminuire, ma purtroppo non abbastanza. C’è sempre spazio per i Casini, Veltroni, Vendola, eccetera.

A fianco della diminuzione probabile della votomania compulsiva, si nota un secondo aspetto della americanizzazione, il declino della politica estera come oggetto di dibattito. Negli USA è normale che la gente non sappia neppure dove sia l’Afghanistan, l’Iraq o la Siria, il cui bombardamento è delegato a esperti specializzati. I tempi in cui tutti erano informati della Corea e del Vietnam sonmo passati, per ora irreversibilmente. L’intera classe giornalistica, senza nessuna eccezione, è diventata una “gioiosa macchina da guerra” di menzogne integrali.

Al tempo della guerra del Golfo del 1991 c’era ancora discussione, poi non più. Ci fu quella che Carl Schmitt definì in latino reductio ad Hitlerum, cioè riconduzione al feroce dittatore di tutti i mali della società, unita con l’invenzione (questa invece di origine di “sinistra”) di tutto un popolo unito contro un dittatore. I popoli furono mediaticamente uniti contro sempre nuovi Hitler nemici dei diritti umani. Il gioco cominciò con Ceausescu, poi con Noriega, Saddam Hussein, Ahmadinejad, Milosevic, Gheddafi, adesso Assad. La storia fu abolita e al suo posto si insediò un canovaccio di commedia, sempre lo stesso: i Popoli uniti contro il Feroce Dittatore; il Silenzio Colpevole dell’Occidente; i Dissidenti “buoni” cui è riservato il diritto di parola. In un anno di televisione manipolata non ho mai sentito intervistare un solo sostenitore di Assad, eppure la Siria ne è piena.

Solo quando il gioco si fa duro, ha senso che i duri comincino a giocare. Fino a che regna la pagliaccesca simulazione italiana Destra/Sinistra le cose saranno sempre come quegli incontri americani di catch in cui è sempre e solo tutta scena per i babbioni spettatori.

Stato nazionale, sovranità nazionale, programma solidale e comunitario, no alla globalizzazione in tutte le sue forme e alla sua dittatura di economisti anglofoni!

 
Costanzo Preve

«Ecco come far rimanere i nostri soldi e le nostre ricchezze al sud»

Manifestazione Casamassima (Ba)L’INTERVISTA: Abbaticchio: «Ecco come far rimanere i nostri soldi e le nostre ricchezze al sud»

11.7.2014
«Il Sud è fatto sopratutto di uomini che hanno voglia di riappropriarsi della propria terra», così Agostino Abbaticchio, coordinatore del progetto CompraSud parla della sua terra. Il Brigante Peuceta, come per anni si è fatto chiamare in rete, ha però messo in piedi un sistema di condivisione per creare un’economia equa solidale e sopratutto locale. «La mia idea di Sud si rifà a quella prima dell’invasione dei Piemontesi – spiega Abbaticchio, parlando del sud – Per onestà intellettuale bisogna dire che anche prima di loro i problemi al sud c’erano; con lotte sociali tra latifondisti e contadini e con la supremazia dei poteri forti. Tutte queste difficoltà però trovavano risposte in un piano risolutivo dei Borbone, che avrebbe certamente dato maggiori frutti rispetto a quelli attuali. Oggi ci ritroviamo con un sud che avrebbe moltissimo da rivedere, sia in termini sociali che operativi, con un mare di opportunità da potenziare. Basta fare un esempio per comprendere il mio discorso. Ci ritroviamo oggi a pagare per l’impianto Ilva sia per il disastro ambientale che per quello legato alla salute della gente. L’Ilva è il simbolo di scelte scellerate che hanno voluto violentare, abusare e opprimere il sud. Se consideriamo che l’impianto sorge su una delle zone naturalistiche più belle del nostro Paese, capiamo con poco quanto sia stato vano creare un’impresa capace di dare un reddito assistito per qualche anno e al contempo privarci di altri fonti economiche come il turismo. Solo oggi capiamo che l’Ilva non da niente e fa solo gli interessi del nord; anche parche le assunzioni non sono a vita visto che i mercati cambiano invece il nostro paesaggio e la nostra natura può regalarci reddito in eterno. Al contrario noi lo abbiamo distrutto per l’eternità con scarichi di veleni e occultamento di rifiuti». Una ricetta c’è sicuramente per questo meridione sempre messo in discussione anche Abbaticchio ha una sua formula. «Innanzitutto per risollevare il sistema – spiega Abbaticchio – bisogna abbattere il dualismo politico che ci imbevuto la testa di chiacchiere. Non più una destra o una sinistra ma un solo pensiero: “il bene del sud”. I sistemi di controllo ci impongono una doppia visione delle cose per creare disunione e dove la discordia abbonda è possibile far breccia con altri progetti che portano la firma di grandi magnati senza scrupoli, ad ogg ricchi solo grazie al sangue della povera gente. Bisogna pensare una volta tanto alla nostra terra e non ai partiti. Bisogna soprattutto capire che viviamo su una terra finita e non infinita e quindi non possiamo pensare solo ad un aumento di redditività ma alla qualità della vita. In quest’ottica dobbiamo recupera non il “ben avere” ma il benessere per non sentirci schivi del sistema ma protagonisti dei nostri tempi». Abbaticchio spiega come una semplice idea può darci tutto questo «Comprasud è una filosofia di vita – sottolinea Abbaticchio – In pratica significa acquistare, produrre e vivere a chilometro zero. Spesso per controbattono a questa mia filosofia con frasi del tipo “ma se il prodotto non può essere a chilometro zero… tipo il caffé?”, a queste persone rispondo – continua Abbaticchio – che ad oggi il cittadino ha la possibilità di cambiare lo stile di vita seguendo anche gli ideali e quindi si può optare o per un surrogato, e ritornando al Caffè può essere sostituto dall’orzo, oppure bisogna far attenzione al luogo dove avvengono le fasi produttive e quindi, continuando nell’esempio, anche lo stabilimento di torrefazione può essere un indicatore importante per creare rete a km 0. Inoltre nella nostra quotidiana scelta che ci vede spendere fior di quattrini per beni e servizi, bisogna anche tener conto delle aree geografiche particolarmente disagiate perché il sud non solo il meridione d’Italia. Può sembrare utopia ma vi garantisco che è solo una questione di abitudine e di gusti che vanno affinati con una politica educativa che faccia dei nostri prodotti delle eccellenze. È assurdo vedere i nostri ragazzi mangiare hamburger del Mc Donald’s e non i Torcinelli foggiani ad esempio. Entrambi portano a tavola parti meno nobili delle carni vaccine e bovine solo che nel primo caso facciamo oceaniche file alla cassa pur di acquistare un happy meal mentre nel secondo ci “schifiamo anche solo a sentir l’odore della brace”. Idem per la tanto osannata Nutella, che negli ultimi giorni è stata premiata con un francobollo dello Stato Italiano. Ebbene la stessa Nutella non è annoverata tra le aziende italiane ma bensì tra le multinazionali di famiglia con sede in Lussemburgo e nello stesso tempo si permette all’Ue di uccidere la pizza napoletana con decreti e disposizioni che ne variano il processo produttivo senza manco dedicargli un francobollo. Poi anche sul processo produttivo della Nutella c’è molto da dire visto che si utilizza per il confezionamento l’olio di palma, causa della distruzioni di milioni di ettari di foresta. Ma oltre a questioni legati agli ideali bisogna capire e far capire ai nostri conterranei che investire nel Comprasud significa investire nei propri figli senza spendere una lira. Per capirci meglio se inizio a mangiare zuccherando gli alimenti con il miele proveniente da un’azienda del mio paese è molto probabile che la stessa azienda incrementando la propria produzione possa assumere mio figlio o comunque un figlio di questa terra. Mangiare sud significa arricchire il sud. Guardate dietro alle etichette degli alimenti presenti nel vostro frigo e iniziate a dividerli in due panieri, uno con la scritta sud e uno con la scritta resto del mondo. Vi garantisco che troverete poco del nostro sud. Ormai anche la pasta, con il granaio d’Italia a due passi, proviene dall’Emilia o ancor peggio da qualche azienda più al nord. Come può un pastificio emiliano poter dar lavoro a vostro figlio qui al sud?. E purtroppo noi del sud siamo stracolmi di controsensi e mentre parlo di chilometro zero poi scopro dai giornali che durante la crisi della centrale del latte di Taranto gli stessi dipendenti hanno dichiarato di comprare latte prodotto altrove, tipo Parmalat. Siamo veramente assurdi certe volte».
Abbaticchio spiega poi come un cambiamento radicale del sud deve partire da noi stessi «L’arma più forte dei nostri avversari è la nostra ignoranza. Più siamo ignoranti e più siamo manipolati. Abbiamo un modo di agire spesso che si racchiude nelle parole “si tira a campà, finche va” e questa cosa avvantaggia altri territori e altre imprese. Ad esempio strumenti di sviluppo come il contratto di rete è stato utilizzato in minima parte. Su base nazionale solo è nato al 20% con non più di 1600 aziende. Questo non significa che il progetto non è idoneo per il mezzogiorno ma probabilmente che questa linea di agevolazioni non sono state studiate da commercialisti e consulenti che seguono le nostre imprese. Abbiamo quindi bisogno di maggiore attenzione alle misure messe in campo per l’imprenditoria cercando sempre di più di elevare la nostra professionalità. Il sud si deve identificare sotto un unico principio per dire basta alla cappa di una dittatura politica che non ci da la possibilità di svilupparci». In risposta Abbaticchio ha già ideato qualcosa di concreto. «Tra le iniziative tangibili c’è il Comprasud e tra le prime imprese messe in piedi c’è una sede fisica dove poter creare rete e comunicazione e dove promuoveremo le nostre campagne. Da qui partirà il Mercasud … una vetrina dove poter creare interazione, in un primo momento tra imprenditori e poi successivamente anche con la vendita ai cittadini con una sorta di Gas. Anche la scelta della location non è casuale. Difatti la sede è in Via Nizza, 85 a Bari, in un’area popolare per dare prime risposte a chi spesso a fine mese è costretto a fare i conti con problemi economici reali. A loro vogliamo proporre i nostri panieri made in sud dove far sposare la qualità e la convenienza insaporiti da un bel pizzico di identità meridionale.
E iSud ci sarà, a fianco di chi esce dal salotto e si muove verso il futuro di questo Sud potenzialmente grande, in tutto, in qualità umane e della vita. Potete contattare Agostino per informazioni chiedendogli amicizia qui su iSud o utilizzando il nostro modulo di contatto 

 

Andrea Gisoldi (i-sud.it)
#leintervistediisud #abbaticchio #comprasud #mercasud #economia #torcinello #nutella #lussemburgo