Il Nobel per l’economia Stiglitz canta il De Profundis all’euro

E’ stato passato sotto silenzio (come al solito) dai grandi giornali italiani il testo di una intervista, rilasciata da premio nobel Joseph Stiglitz al giornale tedesco Die Welt, in cui l’esperto economista ha testualmente dichiarato: “Esisterà una zona Euro nell’arco di 10 anni ma è poco probabile che possa contare ancora di 19 membri e risulta difficile prevedere chi vi rimarrà”, nella stessa intervista Stiglitz ha imputato a questa moneta ed alla Germania la responsabilità del ristagno dell’economia del vecchio continente.

Stiglitz ha segnalato in particolare che in Italia “la gente si trova sempre più delusa dall’euro” e che “gli italiani si sono rendono ormai conto” che il loro paese non funziona con questa valuta.


“Potrà esistere  fra dieci anni una zona euro me è poco probabile che potrà contare con 19 membri, per quanto risulta difficile prevedere chi vi permarrà “, ha detto Stiglitz , premio Nobel per l’economia nel 2001.

L’economista assicura che la Germania  ha già accettato l’idea che la Grecia rinunci a rimanere nella zona euro e consiglia il paese ellenico ed il Portogallo di abbandonare quanto prima l’area euro e ritornare alle proprie monete.
Stiglitz, che è stato il principale economista della Banca Mondiale, ha duramente criticato la politica di austerità imposta dalla Germania e la mancanza di solidarietà europea nel momento di risolvere i problemi economici comuni.
Così che Stiglitz nella stessa intervista considera che la migliore soluzione per dare impulso all’economia dell’Unione Europea sarebbe quella di dividere l’euro in due monete diverse: una destinata ai paesi del nord Europa e l’altra per quelli del sud Europa.

Lo stesso Stiglitz, poco tempo prima in altra intervista al “Nouvelle Observateur”, aveva dichiarato di condannare le politiche europee di austerità (comprese quelle di Hollande), la flessibilità senza protezioni nel mercato del lavoro, e aveva sostenuto che uscire dall’euro è meglio che seguire politiche suicide.
Ad una domanda dell’intervistatore: ” Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa della crisi europea e delle misure di rigore e di austerità che i leader della zona euro  fanno passare come le sole e uniche soluzioni per superare questa crisi”;

Joseph Stiglitz aveva risposto : “L’austerità non è la soluzione. Non permette ai governi di aiutare le imprese a passare dalla vecchia alla nuova economia. Al contrario, essa limita le possibilità di sostegno.

Ora l’economia in Occidente sta passando dall’industria ai servizi: l’istruzione, la sanità, la cultura, il turismo, ecc. La cosa interessante è che tra questi settori, molti sono pubblici. Questo è il motivo per cui avremo sempre più bisogno dei nostri governi, ancora più che per l’industria, che già richiedeva l’intervento dello Stato. Il settore pubblico non deve solo dirottare il suo sostegno verso i nuovi settori, ma deve anche rafforzarlo.

Ad esempio, negli Stati Uniti, spendiamo troppi soldi per la difesa. Produciamo molte armi che non servono a combattere contro tutti questi nemici che non esistono. E’ spreco di denaro. Si finanziano anche molto le imprese, invece che i dipendenti. Sono degli esempi. È possibile riorientare la spesa verso quello che serve a rafforzare l’economia del futuro.

Intervistatore: “In Francia, la crescita ha subito un rallentamento, ma François Hollande ha annunciato tagli alla spesa e aumenti delle tasse che peseranno sulla crescita, per raggiungere gli obiettivi europei. Secondo lei ci sta portando nel precipizio”?

Joseph Stiglitz: “Limitare il disavanzo strutturale, come previsto dai trattati europei, funziona quando si è in piena occupazione, ma non quando si è in una fase di recessione. E’ irresponsabile cercare di avere un bilancio in pareggio o addirittura un disavanzo strutturale al 3% in una economia debole.
Penso che la decisione di François Hollande avrà conseguenze molto negative. L’austerità conduce alla recessione. L’austerità in Spagna ha portato alla depressione.

I leader europei tuttavia continuano a dire che la crescita è necessaria. E’ quello che continuano a ripetere da anni, ma non hanno proposto nulla di concreto in questa direzione. Ci sono stati alcuni progressi, ma arrivano molto lentamente e non saranno sufficienti.
Ad esempio, avete rafforzato la Banca europea per gli investimenti per consentirle di fare più investimenti. Ma la misura di ciò che viene proposto è troppo scarsa. Non sarà sufficiente a compensare i danni dell’austerità.”

Intervistatore: “Non c’è un altro modo per rilanciare l’economia? Se è così, perché i capi di Stato europei insistono in questa direzione”?

Joseph Stiglitz: “Il grande errore degli europei, e della Germania in primo luogo, è che fanno unadiagnosi sbagliata del problema. Essi credono che la crisi derivi da un atteggiamento troppo spendaccione. Ma l’Irlanda e la Spagna prima della crisi erano in surplus . Non sono state le spese a mandarle a fondo.
E’ la crisi economica che ha causato il deficit, non il deficit che ha causato il rallentamento. Introdurre una maggiore austerità non farà che esacerbare la crisi. Ma i leader europei non lo capiscono”.
Alla fine l’intervistatore chiede cosa bisogna fare e quali siano le soluzioni.

Joseph Stiglitz:” L’area dell’euro soffre principalmente di un problema di regole, e i dirigenti non se ne occupano. Devono farlo. Essi devono:

mettere in comune i debiti;

implementare un sistema finanziario comune;

armonizzare le imposte;

modificare il mandato della Banca Centrale Europea, che si concentri non solo sull’inflazione, ma anche sull’occupazione, la crescita e la stabilità finanziaria.

Sono riforme da pianificare ed eseguire molto rapidamente, perché l’Europa è in declino e tutto ciò è costoso in termini di disuguaglianze e di erosione del capitale umano. I giovani devono cercare di costruire le proprie abilità ma passano il loro tempo come disoccupati, cadendo nella disillusione e nell’isolamento.

Intervistatore: “Qualcuno ha detto che la cosa migliore per l’Europa è rifondarsi senza la Germania (parafrasando un po’). Lei è d’accordo con questa diagnosi”?
Joseph Stiglitz: “Credo che abbia ragione quando dice che la Germania deve gestire, prendere in mano l’eurozona”, oppure uscirne.

L’economista  sottolinea che, se la Germania lasciasse l’eurozona, questa si troverebbe probabilmente in condizioni migliori. Perché l’euro sarebbe meno apprezzato. “Diventereste più competitivi, aumentereste le esportazioni, e sarebbe un bene per la vostra economia”.

Intervistatore: “Cosa ne pensa dell’idea proposta da alcuni economisti (non necessariamente vicino al FN) di uscire dall’euro per uscire dalla crisi”?

Joseph Stiglitz: “Ci sono vantaggi e svantaggi ad avere un grande mercato come l’Europa. Ma se non lo si può riformare, io non credo che sia poi così male tornare alle vostre vecchie monete.

Le unioni monetarie spesso durano soltanto un breve periodo di tempo. Ci proviamo, e o funziona o non funziona. Il regime di Bretton Woods è durato trent’anni. L’Irlanda ha ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito e ha creato una propria moneta. Quando succede è un grande evento, ma succede. Ed è possibile.

L’idea che sarebbe la fine del mondo è sbagliata. Sarebbe un periodo molto difficile, ma la fine dell’euro non sarebbe la fine del mondo”.

Guardate la Spagna: il paese è in depressione, la metà dei giovani sono disoccupati. E cosa offre l’Europa? Aiuto, ma a certe condizioni. E queste condizioni sono basate proprio sugli stessi principi che hanno portato la Spagna alla depressione. Questa è la cura che uccide il paziente! Dire “Vi aiuterò, ma prima dovete suicidarvi”, non dà molte speranze.

Intervistatore: “Delle forme di protezionismo, per esempio in materia di criteri sociali e ambientali, non potrebbero stabilizzare l’economia globale e incoraggiare i paesi che praticano il dumping sociale e ambientale come principale strategia economica a convergere verso dei modelli più rispettosi della natura e degli uomini”?
Joseph Stiglitz:” Imporre il protezionismo sarebbe un errore, perché si importa e si esporta. Se non importate più, gli altri paesi non compreranno le vostre merci. Quindi questa non è la direzione giusta da seguire.

Se si ha un tasso di cambio flessibile, invece che una moneta comune, è possibile regolare il cambio per rendere i propri prodotti più competitivi. E’ qui che l’euro ha posto un vincolo, come il gold standard durante la Grande Depressione. La domanda rimane la stessa: è possibile risolvere i problemi posti dall’euro? La risposta è sì, se si riformano le regole dell’euro.

Quello che serve è riuscire a spostare le persone dai settori meno competitivi ai settori più competitivi. Si tratta di sostenere l’occupazione, di garantire che le banche offrano finanziamenti per aiutare le persone a cambiare lavoro o a creare nuove imprese, di investire nelle università per avere più ricercatori, che lavoreranno nelle imprese più competitive”.

Intervistatore: “Mentre molte persone si rammaricano per la deindustrializzazione, non è che alla fine l’industria è destinata a scomparire dai paesi più ricchi, come è quasi scomparsa l’agricoltura o alcune industrie come quelle estrattive”?

Joseph Stiglitz: “In Francia, potete riuscire a riportare dei lavori che sono stati esternalizzati. Ma soprattutto occorre ricordarsi che la crescita della produttività è tale che, in ogni caso, avrete bisogno di meno lavoratori, delocalizzazione o no. E’ così ovunque. Anche in Cina, l’occupazione manifatturiera è diminuita. Dobbiamo accettarlo, è il prezzo del successo.

Francia, Germania e Italia da quel lato hanno prospettive migliori degli Stati Uniti. Voi disponete di un sistema di istruzione di qualità, una tradizione di piccole e medie imprese specializzate nel campo dell’ingegneria e delle alte tecnologie, che noi non abbiamo.

Gli Stati Uniti si sono specializzati nella produzione su larga scala e a basso costo. E in questo gioco, la Cina ha vinto. E’ difficile per noi competere. Ma per voi, a un livello di alta qualità, è più facile”.

Nota: L’economista ha espresso pochi chiari concetti alcuni dei quali possono essere condivisibili, altri discutibili, ma che sono di sicuro in totale controtendenza rispetto alle presunte soluzioni adottate dall’oligarchia di Bruxelles che, con le sue politiche suicide (dettate dai potentati finanziari)  sta portando l’Europa a sbattere contro un muro, con esclusivo vantaggio di qualcuno (l’elite finanziaria)  e a sicuro disastro di molti paesi fra cui di sicuro l’Italia.

Fonti: Argentina Today       L’Olandese Volante

Annunci

10 ragioni per il NO

  1. Il Senato non viene abolito: viene eliminato il voto dei cittadini. A eleggere i senatori saranno i consiglieri regionali, nonostante la Costituzione sancisca all’art. 1 che «la sovranità appartiene al popolo».
  2. Il nuovo Senato sarà composto da 74 consiglieri regionali, 21 sindaci, 5 senatori nominati dal Presidente della Repubblica per 7 anni. Così diventa, in sostanza, un “dopolavoro” per sindaci e consiglieri regionali, gli stessi degli scandali degli anni passati, che godranno di immunità parlamentare.
    Non voglio nemmeno immaginare il banchetto per le mafie.
  3. Il numero di deputati rimarrà di 630, lasciando così una Camera pletorica con le stesse altissime indennità.
  4. Le competenze del Senato resteranno numerose, su diverse materie e molto gravose: come faranno sindaci e consiglieri regionali a coniugare mandato territoriale e mandato senatoriale?
  5. La tanto ventilata semplificazione è in realtà un miraggio: aumenteranno le procedure legislative e la divisione per materie causerà conflitti di attribuzione.
  6. Si crea una sproporzione totale rispetto alla Camera, assolutamente priva di senso: avremo 100 senatori da una parte e 630 deputati dall’altra. I primi eleggeranno due giudici costituzionali, i secondi solo tre, per fare un esempio.
  7. Il Senato non costituirà un contropotere esterno rispetto alla Camera, non avendo particolari poteri di inchiesta e controllo. Non sono previsti neppure contropoteri interni alla Camera.
  8. Grazie all’Italicum, che garantisce 340 seggi alla Camera a prescindere dai voti ottenuti, si andrà verso un “premierato assoluto” dato che solamente la Camera darà la fiducia.
  9. La riforma restringe le possibilità di partecipazione diretta dei cittadini alle scelte politiche.
  10. La riduzione dei costi è minima, nemmeno paragonabile a quanto si otterrebbe dal dimezzamento di deputati e senatori, dato che i nuovi senatori godranno comunque di rimborsi e diarie.

da qui

Una personalissima domanda ai  politici, in particolare piddini, ma non vi fate un po’ schifo quando vi guardate nello specchio la mattina?

Flavio ci ha lasciati

L’otto marzo 2016 io con i miei familiari ed i miei amici abbiamo commemorato il trigesimo della dipartita di mio fratello Flavio. Lo abbiamo fatto nella chiesa di San Leone Magno a Bitonto (Ba). Per l’occasione ho chiesto di poter leggere un mio pensiero sulla morte di Flavio ai miei amici che sono intervenuti alla funzione religiosa.
Quello che ho scritto non l’ho corretto, purtroppo le lacrime e la commozione mi ha portato a molte pause e talvolta a ripetizioni, con alcuni errori di sintassi. Ma ho preferito lasciarlo così com’era: non dovevo fare il compitino di scuola, dovevo solo riportare quello che mi passava per la testa. Per molti saranno incomprensibili alcuni tratti del mio scritto, ma chi conosce la vera storia di Flavio capirà sicuramente quello che ho voluto dire.

Giusto per essere chiari considerate che io e tutta la mia famiglia non abbiamo potuto assistere mio fratello negli ultimi anni della sua vita e ci è stata preclusa anche la possibilità di poter assistere al suo funerale e alle sue esequie. L’ultima volta che ho visto mio fratello è stato prima del Natale 2014. Era su una sedia a rotelle e l’ho lasciato baciandolo sulla fronte.

 
Buona sera e grazie per essere venuti a testimoniare la vostra vicinanza al dolore che ha colpito la famiglia Abbaticchio. Ringrazio anche Padre Guarino per avermi dato la possibilità di riunirci in questo luogo.

Con questa cerimonia suggelliamo il triste evento della dipartita terrena di Flavio.

Il dolore che ha colpito tutti noi, che ha ferito gli animi di noi familiari, ha assunto un valore particolare soprattutto per i nostri genitori. La sera in cui si sono svolti i funerali abbiamo trascorso il momento nella nostra casa paterna a pregare e a ricordare la figura di Flavio. Dopo il momento di sgomento abbiamo realizzato che Flavio aveva raggiunto  la sua vera essenza e questo ci rendeva coscienti e tranquillizzava i nostri animi. Finalmente, dopo che Flavio era stato strappato alla vita prima dagli uomini e poi dalla malattia che lo aveva colpito, ormai era libero. Flavio era tornato ad essere lo spirito libero che era sempre stato, con il suo sorriso, la sua giovialitá, la sua empatia.

Ci sono stati momenti importanti nella vita di Flavio che solo un fratello, una sorella, una madre o un padre possono sapere e capire. La morte terrena di Flavio solo un genitore può capirla, solo un fratello o una sorella può capirla e nessuno può assumersi l’onore o l’ónere di farsi testimone di questo dolore. Nessuno può assumersi l’incarico di sostituirsi ad un familiare. Fino ai miei quindici anni io e Flavio abbiamo dormito nello stesso letto, abbiamo condiviso sonno e sogni. Ogni sera ci siamo sempre raccontati le nostre giornate. La sua vita è stata sempre intrecciata a quella mia e di mia sorella. I nostri pensieri si sono sempre intarsiati tra di loro e non abbiamo mai pensato che un giorno si potesse sgranare tutto questo e sciogliere questo legame. Flavio ci è stato portato via dagli uomini e ci é stato restituito dalla morte. Sembra un ossimoro, ma é così. Coloro che lo hanno portato via da noi lo hanno fatto tutti per lo stesso motivo. Prima la giustizia umana e poi l’ingiustizia sempre umana. Forse vi sembrerà ardito quello che sto per dirvi, ma penso che Flavio, a causa del suo carattere ingenuo, la sua voglia di creare stabilità, armonia, il suo sentimento di pace, si sia lasciato coinvolgere da disegni criminosi che nulla avevano a che fare con lui. Proprio ieri ho avuto notizia che tutto quello che ha causato la rovina della nostra famiglia e, credo, sia stata la causa della morte di Flavio è stato tutto annullato da un colpo di spugna, come se nulla fosse accaduto. La beffa oltre il danno. In questo mondo fatto da una giustizia umana che va contro la giustizia cristiana, Flavio è stato l’agnello sacrificale immolato per salvare l’immagine di una società ormai disgregata. La giustizia umana che ha decretato la condanna di Flavio è un esempio di come questa giustizia sia contro l’essere umano. Cosa predicava Gesù Cristo? cosa predicava San Francesco? Quali sono stati gli esempi di Madre Teresa di Calcutta? Consideriamo invece quali sono i canoni della giustizia italiana? Derivata dalla giustizia romana, quella imperialista, la stessa giustizia che aveva studiato e professato Sant’Agostino prima di abiurarla per abbracciare la cristianità e diventare dottore della Chiesa. Flavio si preoccupava di chi era in difficoltà , era amico di tutti, era giusto con tutti a costo di sembrare duro. Flavio era l’esempio di una cristianità nuova, moderna al passo con i tempi. Proprio per questo è stato spogliato di tutti i suoi averi, di tutti i suoi sogni, é stato strappato ai suoi familiari con il ricatto vergognoso sul suo figlio, infine é stato crocifisso nella sua malattia. Ha pagato ampiamente qualsiasi peccato possa aver commesso, mentre coloro che sono stati la causa del suo peccato adesso si travestono di dolore mentre si giovano del bene che ha creato.

Non fermiamoci alle apparenze, non crediamo alle parole, ma cerchiamo di guardare in fondo al cuore. Nessuno potrà capire il dolore mio, di mia sorella, di mio padre e di mia madre. Nessuno puó arrogarsi il diritto di sostituirsi a noi, perché solo noi sappiamo veramente chi è Flavio. Non permettiamo a nessuno di assumere incarichi non dovuti. Noi siamo i suoi familiari e nessuno potrà cancellare questo legame, nemmeno con inganni e sotterfugi. Adesso tutta la mia famiglia è serena, perché la morte terrena ha liberato finalmente Flavio. Ora la sua anima è libera, proprio come quando era vicino a noi, quando era libero di sorridere, scherzare, aiutare, parlare, confidarsi, condividere. Quando usciremo da questo luogo avremo finalmente Flavio per sempre con noi. La sua presenza finalmente sarà costante e rassicurante.

Basterà guardare il suo sorriso per essere sicuri che lui sarà sempre pronto ad aiutarci e a sostenerci come faceva quando era in vita.

Auguro a tutti di poter riuscire a scoprire tutto quello che è stato, al di là della sua figura esteriore. Quando capirete cosa era Flavio, Flavio diventerà presente in ogni vostra giornata. Avrete la sicurezza che appena girato l’angolo lo ritroverete con il suo solito sorriso e la sua battuta pronta.

Buona serata a tutti e grazie ancora.

img001

Agostino e Flavio Abbaticchio

I nostri amici di viaggio

La favola della rana e dello scorpione

scorpion-and-frog1.jpg
Nella favola, lo scorpione chiede a una rana di lasciarlo salire sulla schiena e di trasportarlo sull’altra sponda di un fiume. In un primo momento la rana si rifiuta, temendo di essere punta durante il viaggio; tuttavia, lo scorpione argomenta in modo convincente sull’infondatezza del timore: in un caso del genere, infatti, anche lui cadrebbe nel fiume e, non sapendo nuotare, morirebbe insieme alla rana.
Così la rana accetta e inizia a trasportarlo, ma a metà strada lo scorpione effettivamente punge la rana. Quando la rana sente la puntura, che condanna entrambi alla morte, chiede allo scorpione il perché del suo gesto insano e lo scorpione risponde: “È la mia natura”.

(liberamente tratto da Panchatantra, una raccolta di favole di animali risalenti all’India del III secolo a.C.)

Quando scegliamo gli amici di viaggio

Cosa può determinare la caduta di un leader? Amici di viaggio non adeguati!

Che dire delle persone che hai provato a gestire, ragionando in modo win win, mettendoti in discussione, ma che ancora non cambiano e che ti rendono la vita difficile?

Beh…la cosa funziona così…o tu riesci ad influenzare loro, oppure loro influenzeranno te. Non c’è alternativa. Devi però sapere anche che ci sono delle persone che non cambieranno mai. E se non sei in grado di riconoscerle, renderanno la tua vita miserabile.

Fai bene attenzione perché quanto ti sto per dire è della massima importanza.

LE PERSONE NOCIVE

Le persone nocive agiscono come quei grandi pini sotto i quali qualsiasi pianta ha difficoltà a crescere e, se anche ci riesce, cresce rachitica o con grandi stenti. L’associazione con questo tipo di persone comporta grandi difficoltà e sicuramente una grande quantità di stress. Ogni volta che ti associ a loro tendi a peggiorare. Tutte le volte in cui nella mia vita mi sono associato con persone del genere, dopo un po’ di tempo, inspiegabilmente, le cose iniziavano ad andarmi male. Io stesso facevo errori stupidi e, più passava il tempo, meno avevo fiducia in me stesso.

LE PERSONE NEGATIVE

Esistono persone che si concentrano primariamente sui lati negativi di coloro che hanno intorno. Hai mai avuto a che fare con qualcuno che, qualunque cosa tu facessi, ci trovava dei difetti? O che era sempre pronto a indicarti tutto quello che facevi male, senza essere altrettanto pronto a riconoscere tutto ciò che facevi bene? Spesso sono persone che vedono i propri simili come potenziali nemici, piuttosto che come amici. Questo atteggiamento a volte deriva da grandi fregature o sconfitte che hanno subito nel passato oppure dall’essere rimaste a loro volta associate per lungo tempo con una persona negativa. Avere a che fare per molto tempo con una persona del genere è frustrante, perché ti svuota, ti demotiva, ti rende incerto riguardo alle tue vere capacità.

LE PERSONE CON SCARSO SENSO ETICO

Queste sono persone che spesso o volentieri sono coinvolte in attività non etiche. Tradiscono o rubano o truffano. Le persone con uno scarso senso etico sono pessimi amici di viaggio. Proprio perché tradiscono il coniuge o mentono, stai pur tranquillo che prima o poi mentiranno anche a te. Ma il fatto che mentiranno anche a te è il meno. Alla lunga, continuando a frequentarle, tu stesso sperimenterai un peggioramento del tuo senso etico e la tua vita comincerà ad ingarbugliarsi.

LE PERSONE CHE NON SI METTONO IN DISCUSSIONE

Mettersi costantemente in discussione è una grande caratteristica della persona di successo. Con il mondo che cambia velocemente, con il tuo progetto o la tua impresa che cresce, la capacità di correggere se stessi è fondamentale. Stai attento a chi non lo fa, perché prima o poi, avendo a che fare con loro, la loro riluttanza a mettersi in discussione ti farà pensare “che forse il problema sei tu”. E quando arrivi a pensare quello, ti devasteranno.

LE PERSONE CHE NON CREDONO IN TE

Per avere successo devi avere vicino degli amici che credono in te. Le persone che non credono in te non sono buoni amici, perché metteranno in luce tutte le tue lacune e le amplificheranno. Circondati di persone capaci e che credano in te.

 

IN PRATICA

Quando hai a che fare con persone delle cinque tipologie che ti ho appena descritto, attiva l’anti virus e fai molta attenzione! Se dovessi avere persone nel tuo ambiente con le caratteristiche di cui sopra devi intraprendere rapidamente delle azioni correttive. Altrimenti, così come il computer che, infettato da un virus, inizia a mandare e-mail infette a tutta la lista di indirizzi, comincerai a tua volta a utilizzare quelle stesse caratteristiche con le persone che interagiscono con te.

Non aggredirle, non andarci in scontro, non elencare tutti i difetti che hanno, rimani una bella persona. Prova a metterti in discussione tu, prova a cambiare il tuo atteggiamento. Guarda sinceramente se c’è qualcosa che stai facendo tu che non è ottimale nei loro confronti.

Poi prova a influenzarle facendo leva sui loro lati positivi. Se non le influenzi, sai già come andrà a finire, tu stesso regredirai e tornerai a commettere le stesse azioni negative che abbiamo gestito durante la quinta regola.

Dopo aver provato un certo numero di volte, se vedi che non c’è stato nessun miglioramento o nessun miglioramento apprezzabile, devi sapere che se continui a frequentarle assiduamente te ne tornerai nell’invisibilità, ma non solo.

Frequentando le persone nocive si arriva un po’ alla volta a credere che tutta l’umanità sia composta di persone simili. Non è vero. Là fuori ci sono anche tante persone positive che sono contente se hai successo, che vogliono aiutare gli altri e che cercano di mettere in luce il bello e il positivo, piuttosto che il tetro e il cupo.

I compagni che scegli determineranno il tuo destino.

Se vuoi volare con le aquile, devi smetterla di frequentare i tacchini, e soprattutto… i cacciatori.

 (fonte Paolo Ruggeri)

TRE GRADINI PER IL BARATRO

Antonio Conese

da il Manifesto, 8 marzo 2015

L’urto del pensiero

Tre gradini per il baratro

ita roves[1]

 È inu­tile girarci intorno. Tre sono i gra­dini che pote­vano con­durre il nostro Paese nel bara­tro. Ed è bene sapere che li abbiamo già per­corsi tutti e tre con appa­rente e beata inco­scienza. Il primo è quello della deriva etico-morale. Un Paese che non è riu­scito a tra­smet­tere ai pro­pri cit­ta­dini il senso della res publica, quindi del bene col­let­tivo e del patri­mo­nio nazio­nale; un Paese che non sa creare le con­di­zioni e le dina­mi­che per­ché fra i suoi abi­tanti, nei vari gan­gli vitali della sfera sociale, pos­sano emer­gere i più pre­pa­rati, i più volen­te­rosi, i più meri­te­voli, pro­prio per­ché anche così possa sal­va­guar­darsi e cre­scere lo stesso bene comune, ebbene que­sto Paese è già morto. È come una stella di cui ancora vediamo la luce pur sapendo che in realtà si è già spenta, e per que­sto non potrà con­ti­nuare a esi­stere nella rin­no­vata costel­la­zione. La poli­tica degra­data al livello…

View original post 840 altre parole

E Bitonto ritrova se stessa.

Buon 2016.
Il primo articolo di questo blog si apre con una notizia che, fino a qualche anno fa, non sarebbe potuta apparire nemmeno delle fantasie di ubriachi cocainomani, ebbri di funghi e visioni mistiche. Stiamo parlando della “rivoluzione culturale” che ha colpito la mia cittadina natìa: Bitonto. A pochi chilometri a nord di Bari, sul primo gradino della Murgia Barese, patria degli antichi Peuceti (o Peucezi), si ritrova a fare il bilancio di un 2015 veramente eccezionale, culminato con il CapoDanze, festival della cultura popolare, alla sua diciassettesima edizione, a cura dell’associazione culturale dauna Folkarte. In questa edizione gruppi di musica popolare provenienti da Francia, Romania, Toscana, Puglia, Veneto e Campania si esibiscono nelle loro migliori performance per diffondere il loro messaggio di pace, di cultura e di socialità.

Questo è il filmato di presentazione dell’evento

L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco, Dott. Michele Abbaticchio, con la preziosa assistenza dell’Assessore al Marketing Territoriale, Dott. Rino Mangini, ha saputo coordinare una splendida annata fatta di eventi di successo che si sono svolti durante tutto l’anno.

Il filmato del 31 dicembre 2015, realizzato in piazza Cattedrale da Mimmo Latilla, parla chiaro.


 

Dal canto mio non posso che essere felice di constatare che l’appello rivolto alla comunità bitontina, nel corso delle elezioni amministrative del 2012 alla riscoperta delle proprie origini, del proprio senso di socialità e di convivenza, hanno avuto effetto. “Dobbiamo diventare tutti briganti, dobbiamo essere noi i difensori della nostra terra, della nostra storia, delle nostre tradizioni, della nostra cultura. Il brigante non usa armi, ma usa la caparbietà per ottenere il rispetto della sua essenza”: questo l’appello rivolto alla gente nel corso dell’ultima competizione elettorale dal sottoscritto.
Auspicavo una presa di coscienza da parte dei cittadini, la voglia di riscatto, di rispetto del proprio ambiente naturale. Desideravo vedere persone che gioivano a sentir parlare la propria lingua locale, le proprie canzoni, gli aneddoti, riscoprire i luoghi, i monumenti, i personaggi. Nessuno si sarebbe dovuto vergognare di dire “io sono di Bitonto“. Affermare le proprie origini deve essere il primo baluardo da difendere in ogni occasione, perchè sulle proprie origini si costruisce il futuro. Se non hai coscienza del tuo passato, non avrai mai le prospettive di progresso.

E’ stato un anno memorabile il 2015 per la comunità bitontina, ma non è che un punto di partenza. Il Bitonto Blues Festival, il Beat Onto Jazz, il Traetta Opera Festival, ma anche altre manifestazioni legate ai musei (ce ne sono ben tre:la Galleria Nazionale della Puglia “Devanna”, il Museo Archeologico De Palo e il Museo Diocesano, oltre al Torrione Angioino e una quarantina di dimore storiche, certificate dall’A.D.S.I.), eventi culturali legati alla letteratura, alla poesia, allo spettacolo.
L’arrivo a Bitonto del Commissariato del Ministero della Difesa Austriaco, consigliere dell’ordine della Croce Nera Austriaca, per commemorare i caduti austriaci nella Battaglia del 1734, rappresenta una ulteriore conferma della vocazione internazionale raggiunta da questa cittadina.

CapoDanze possiamo considerarlo come la ciliegina sulla torta, a coronamento di un lavoro di cesellatura pignolo e incessante.
A questo evento di fine anno si sono coordinati oltre 250 operatori, di cui provo a nominarne almeno i più importanti:

Musicisti, gruppi e insegnanti partecipanti:
DUO ABSYNTE (Francia) bal folk
ERIC THEZE’ (Francia) bal folk
DUO A. SANGINETO –S. BALDAN (Veneto) bal folk
TREQUARTI (Napoli) bal folk

OFFICINA ZOE’ (Salento) pizziche
CANTORI DI CARPINO (Gargano) tarantelle
MALARAZZA (Salento) pizziche
TERRAEMARES (Campania) tammurriate
RAFFAELE INSERRA E ‘A VOCE STESA (tammurriate)
SCUOLA DI TARANTELLA (Montemarano) tarant. montemaranese
TARANTELLA NON STOP (Caulonia –Calabria) tarantelle calabresi
FOLKEMIGRA (Bitonto –BA) danze del sud
RE PAMBANELLE (Bitonto –BA) danze del sud

CORSI DI DANZE
DANIEL SANDU (Romania- Olanda) danze gipsy e rumene (28-30 dic.)
NOEMI BASSANI (Varese) danze internazionali (28-30 dic.)
ERIC THEZE’ (Francia) danze impari (29 dic.-1 gen.)
CLAUDIO CESARONI (Firenze) varianti di bourrèes e irlandesi (28 dic. -1 gen.)
CIRO TROISE (Roma) Varianti di scottish e mazurche francesi (28-31 dic.)
ADRIANO SANGINETO e STEFANO BALDAN (congò e rondò) (31 dic.-1 gen.)
MARYAM RAQQAS (Bari) danze egiziane (29-30 dic.)
GIOVANNI MAURO (Salerno) tammurriata dell’Agro (29 dic.)
HIRAM SALSANO e CATELLO GARGIULO (Campania) tammurriata di Pimonte (30-31 dic.)
OFFICINA ZOE’ (Salento) danza, canto e tamburello (31-dic)
FLORIANA GUIDA (Salento) pizzica (29 dic. 1 gen.)
NICOLINO GENTILE (Carpino) canto e danza
FABIO CHIERA (Calabria) tarant. calabrese Basso Jonio (1 gen.)
ROBERTO D’AGNESE (Montemarano –AV) tarant. Montemaranese (31 dic.)

CORSI DI STRUMENTO E PERCUSSIONI
AURELIEN CLARAMBAUX (Francia) organetto
FABIO CHIERA (Calabria) organetto
RAFFAELLE INSERRA (Tammorra)
LIVIO GRECO (Tamburello)
( Fonte web: www.zingaria.com)

Inutile dire che tutte le strutture turistiche hanno registrato il “tutto esaurito”, con somma soddisfazione degli stessi operatori.


Avete bisogno di ulteriori conferme? Non penso!
Riscoprire le proprie origini fa bene a tutti. Sapere chi siamo stati è lo stimolo principale per poter decidere il proprio futuro, il proprio cammino di crescita.
Bitonto è sulla buona strada: ha ritrovato se stessa.

Auguri di un felice 2016

Guerra e Pace

Credete veramente che la gente voglia la guerra? Volete farmi credere che le famiglie, le mamme, le ragazzine e i ragazzini palestinesi, curdi, cerchino di fare la guerra? E dove avete studiato la storia? Al C.E.P.U? La guerra serve solo ad aumentare gli introiti per le banche, per l’industria pesante, per le multinazionali. Al popolo resta la fame, la sofferenza, la miseria. Gli statisti risolvono le guerre con i trattati, con gli accordi, con la Pace. I politici risolvono la pace con la guerra.

Questo mio piccolo scritto vuol essere un augurio di pace a tutti coloro che soffrono per colpa delle guerre. Gente che vorrebbe lavorare, fare l’amore, gioire con i propri figli del prossimo raccolto, vorrebbe bere vino con il vicino. Vorrebbe alzarsi di notte per fare il pane, per raccogliere le uova ancora calde, andare con i figli in riva al mare a raccogliere alghe e conchiglie. Gente che vorrebbe ancora ascoltare i vecchi genitori raccontare storie bellissime, ricette magiche e millenarie, magari accanto al fuoco dove buttare bucce di mandarini. Gente che vorrebbe cantare e ballare alla fine del raccolto, alla fine dell’estate, alla fine del giorno delle nozze. Gente che invece è costretta a combattere.

Auguro a tutti che la Luce riesca ad illuminare le vostre menti, che sia un vero Natale per tutti.

Questo Natale lo dedico alle donne curde, rappresentanti della Vita in un mondo di morte.